PUNTO 1-Mps, perdita 2012 a 3,17 mld dopo rettifiche, svalutazioni

giovedì 28 marzo 2013 19:06
 

ROMA, 28 marzo (Reuters) - Banca Mps ha chiuso il 2012 con una perdita di 3,17 miliardi di euro dopo aver rettificato crediti per 2,7 miliardi e per effetto della contabilizzazione delle perdite sui prodotti strutturati di anni precedenti, su cui sta indagando la Procura di Siena.

Lo si legge in una nota della banca senese al termine del consiglio di amministrazione.

Una media delle stime di analisti sentiti da Reuters indicava una perdita 2012 vicina a 2,5 miliardi dopo che nel 2011 la banca ha chiuso in rosso per 4,7 miliardi.

Nel 2012 i ricavi sono scesi del 6,2% a quasi 5 miliardi con una flessione nel solo quarto trimestre del 44,7% rispetto al trimestre precedente.

Sull'andamento dei ricavi ha pesato il calo del 18,1% del margine di interesse che ha sofferto in modo particolare nell'ultimo trimestre (-40%) sia per la contabilizzazione degli interessi sui Tremonti bond per l'intera quota 2012 sia per l'effetto del cambiamento dei criteri di consolidamento di Pop Spoleto.

I costi operativi sono in calo del 3,7% a 3,3 miliardi.

Sul risultato hanno inciso svalutazioni complessiva per 1,6 miliardi di cui 1,5 miliardi per avviamenti e circa 110 milioni su intagibili.

A questo proposito l'istituto senese ricorda che "il test di impairment effettuato sugli avviamenti del gruppo non ha determinato ulteriori svalutazioni rispetto a quelle contabilizzate nella relazione semestrale 2012".

Tra le altre poste straordinare, da segnalare i costi una tantum, pari a 311 milioni, legati agli incentivi per il piano esuberi   Continua...