28 marzo 2013 / 15:58 / 4 anni fa

PUNTO 1 - Buzzi, 2012 in rosso ma Mol migliora, conferma cedola ord

(aggiunge dettagli, commento analista, andamento titolo)

MILANO, 28 marzo (Reuters) - Buzzi Unicem chiude il 2012 con una perdita di competenza di 28,5 milioni, rispetto a un utile di 27,1 milioni l'anno precedente, dopo forti svalutazioni delle attività fisse e rettifica alle imposte differite attive.

Lo dice una nota, aggiungendo che sul 2013 il gruppo prevede risultati operativi "in lieve miglioramento rispetto al 2012".

A Piazza Affari, intorno alle 16,30 il titolo segna un calo dell'1,3% a 12,16 euro sopra i minimi di seduta di 11,90 euro, con volumi in progresso ma in linea con la media giornaliera.

L'indice Stoxx settoriale europeo sul comparto costruzioni è in progreso dello 0,4% circa.

Nell'anno il margine operativo lordo è salito del 4,8% a 455,1 milioni, in linea con quanto previsto dal gruppo cementiero nei risultati preliminari lo scorso febbraio.

L'utile netto, includendo le quote terzi, è scivolato a 2 milioni da 54,8 milioni dell'anno precedente.

Sui risultati hanno inciso le svalutazioni delle attività fisse per 35,5 milioni (erano 11,4 milioni nell'esercizio precedente).

Pesano inoltre le rettifiche di imposte differite attive relative a perdite maturate in alcune aree di business che il gruppo ha dovuto effettuare a causa di una "modifica del giudizio sulla futura recuperabilità", spiega la nota.

Il Cda proporrà la distribuzione di un dividendo, con parziale prelievo delle riserve disponibili, pari a 0,05 euro per le azioni ordinarie, invariato rispetto all'esercizio precedente, e 0,104 euro per le risparmio (di cui euro 0,03 quale totale assegnazione alle azioni di risparmio del dividendo preferenziale relativo all'esercizio 2011). Il dividendo sulle risp per il 2011 era stato di 0,05 euro.

"Sui risultati per 2012 non ci sono grosse sorprese in quanto sostanzialmente attesi" commenta un analista, ricordando che il dato sul fatturato (2,8 mld, +0,9%) era già stato comunicato, così come sull'Ebitda la società il mese scorso aveva stimato un valore di 450 milioni, in linea con il dato definitivo.

"Anche l'effetto negativo delle svalutazioni straordinarie, visto che erano già state annunciate su Dyckerhoff, era previsto", prosegue.

"Quello che forse delude è l'outlook sul 2013. La società si attende risultati operativi in 'lieve miglioramento', mentre le attese di consensus erano di una crescita più sostenuta", aggiunge.

Sotto il profilo patrimoniale l'indebitamento finanziario netto a fine dicembre si è attestato a 1,12 miliardi, con un leggero calo di 18,1 milioni rispetto di fine 2011, con un rapporto sul patrimonio che sale a 0,43 da 0,41 del precedente esercizio.

Per il testo integrale del comunicato i clienti Reuters possono cliccare su Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below