Peugeot, pesanti perdite in 2012 ma conferma obiettivi rilancio

mercoledì 13 febbraio 2013 09:23
 

PARIGI, 13 febbraio (Reuters) - Rosso record da 5,01 miliardi di euro nel 2012 per il gruppo automobilistico francese Psa Peugeot Citroen, appesantito da forti svalutazioni; ma la società ha affermato che il piano di rilancio sta iniziando a produrre i suoi effetti e il titolo balza in borsa stamani.

I risparmi sui costi di produzione hanno raggiunto 1,18 miliardi di euro nel 2012, contro il target di 1 miliardo e Peugeot ha promesso oggi nuovi tagli per 900 milioni nel 2013.

"I risultati della riduzione dei costi e i piani di dismissione di asset hanno superato i nostri obiettivi" ha detto il Ceo di Philippe Varin in un comunicato. "Le basi per una ripresa sono state poste."

Varin ha poi ribadito l'obiettivo della società per quest'anno di dimezzare il flusso di cassa negativo, pari a 3 miliardi di euro nel 2012, di cui 2,5 miliardi di euro nella divisione auto.

La perdita netta, che si confronta con un utile di 588 milioni dell'esercizio precedente, riflette i 4,74 miliardi di svalutazioni e il crollo delle vendite europee dei modelli di Peugeot e Citroen, ha detto la società in un comunicato.

Il rosso della problematica divisione auto sono salite a 1,5 miliardi di euro da 92 milioni di un anno prima, mentre il fatturato del gruppo è sceso del 5,2% a 58,4 miliardi.

Dopo aver avviato le contrattazioni in rialzo di oltre il 5%, intorno alle 9,30 il titolo Peugeot guadagna circa il 3% alla Borsa di Parigi.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia