Saipem rivede al ribasso stime utili 2012, ricavi e profitti 2013

martedì 29 gennaio 2013 18:16
 

MILANO, 29 gennaio (Reuters) - Saipem, sotto la guida del nuovo Ad Umberto Vergine, ha rivisto le previsioni sugli utili 2012 e su ricavi e profitti nel 2013. In un comunicato, l'azienda di ingegneristica controllata da Eni rende noto che - a causa di negoziazioni su variazioni contrattuali nel business E&C, che si prevede si concluderanno con esiti inferiori alle previsioni e in conseguenza di un rallentamento delle attività E&C rispetto alle attese durante l'ultimo trimestre - è previsto per il 2012 un Ebit intorno a 1,5 miliari di euro, in calo di circa il 6% rispetto alle precedenti stime e un utile netto di circa 900 milioni.

Per il 2013 è prevista una riduzione molto significativa (circa l'80%) dell'Ebit rispetto al 2012. Nel complesso, oggi Saipem prevede per quest'anno ricavi di circa 13,5 miliardi di euro, un Ebit complessivo di circa 750 milioni di euro, un utile netto di circa 450 milioni di euro, nonché un livello di investimenti per circa 0,9-1 miliardo di euro.

Un miglioramento è invece atteso per il 2014 e negli anni successivi. "Negli ultimi mesi si sono presentate numerose opportunità di mercato interessanti e queste, insieme agli ordinativi attesi dei prossimi sei-nove mesi, contribuiranno alle prestazioni finanziarie del 2014", si legge nella nota.

Infine, la società rende noto che, relativamente all'indagine avviata dalla procura di Milano sulle attività in Algeria, Pietro Franco Tali, precedente AD, ha ricevuto un avviso di garanzia.

(Giancarlo Navach)

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia