PUNTO 2 - Rcs, piano al 2015 punta su digitale e recupero marginalità

mercoledì 19 dicembre 2012 18:34
 

(Aggiunge altri dettagli su piano, commenti analisti, andamento titolo)

MILANO, 19 dicembre (Reuters) - Rcs punta a raggiungere nel 2015 una marginalità del 10% dal 4% previsto nel 2012 su ricavi stabili intorno a 1,6 miliardi di euro, attraverso un programma di riduzione dei costi e investimenti che richiederà anche dismissioni di attività non core e "l'apporto di significative nuove risorse a titolo di capitale".

Sono queste le linee del piano per lo sviluppo 2013-2015 approvate da un Cda durato circa cinque ore in vista del via libera definitivo ai dettagli rinviato al consiglio per l'approvazione dei conti 2012, che deciderà anche la struttura finanziaria necessaria alla sua realizzazione.

Il piano, si legge in una nota, prevede al 2015 un contributo dei ricavi digitali pari al 25% dal 14% del 2012 e un ebitda pre-oneri non ricorrenti in crescita a circa 160 milioni.

Sono previsti risparmi su prodotti e processi per circa 100 milioni di euro.

A supporto delle strategie di crescita "sono necessari investimenti totali per circa 300 milioni al netto di eventuali ulteriori esborsi per operazioni di acquisizione".

Tra le attività per le quali è previsto un consolidamento, in particolare nel digitale, appare anche la controllata spagnola Unidad Editorial.

A Piazza Affari il titolo Rcs ha chiuso la seduta in calo dell'1,11% a 1,25 euro ritracciando dopo una fiammata al rialzo di oltre il 5% subito dopo la pubblicazione del piano.

"In assenza di dettagli su acquisizioni, cessioni e aumento di capitale, nessuno si aspettava che il focus su digitale sarebbe costato cosi tanto in termini di capex. I target sull'ebitda sono in linea con le attese", dice un analista.   Continua...