18 dicembre 2012 / 18:03 / 5 anni fa

PUNTO 1-Generali non vede impatti patrimonio da investimenti private equity

(Aggiunge commenti fonti, dettagli)

MILANO, 18 dicembre (Reuters) - Eventuali impatti economici e finanziari dagli investimenti in private equity e fondi alternativi di Generali, oggetto di una valutazione aggiornata portata all'ultimo Cda triestino, non sono oggi determinabili con precisione ma comunque non sono tali da incidere in modo significativo sul patrimonio della compagnia.

Lo dice una nota di Generali diffusa su richiesta della Consob dopo alcune indiscrezioni stampa che dettagliavano gli investimenti in fondi lussemburghesi di private equity, passati al setaccio del consiglio del 14 dicembre scorso.

Il 14 dicembre scorso - ricorda la nota - sono state portate all'attenzione del Comitato Controllo Rischi e del Cda le valutazioni aggiornate di alcuni investimenti in private equity e fondi alternativi, in particolare quelli del fondo lussemburghese e dei fondi gestiti da VEI e Rhone.

L'analisi si inquadra nell'ambito del processo di revisione strategica della compagnia finalizzata a un maggior focus sul business assicurativo, i cui esiti verranno presentati a Londra il 14 gennaio.

"Analoghe analisi - conclude la nota - saranno avviate su tutte le altre classi di investimento".

Secondo quanto ricostruito oggi dal Corriere della Sera nel consiglio del 14 dicembre sono stati esaminati investimenti alternativi del gruppo per complessivi 6,1 miliardi di euro. Di questi - si legge sul quotidiano - 1,24 miliardi riguardano 13 fondi di private equity lussemburghesi con una perdita finora di 300 milioni di euro.

In particolare Generali - prosegue il quotidiano - ha versato nel fondo Vei Capital 70 milioni sui 155 milioni promessi con un rendimento annuo negativo del 4%.

Il fondo, creato a settembre 2010 da Palladio Finanziaria con l'obiettivo di assumere e gestire partecipazioni societarie nell'ottica di investimenti di private equity e business infrastrutturali, è controllato dalla società di Roberto Meneguzzo e condiviso con Veneto Banca, Intesa Sanpaolo e Pop Vicenza.

Secondo Il Corriere, il ceo Mario Greco avrebbe passato la documentazione agli studi legali Erede e Mucciarelli per valutare se la compagnia debba rivolgersi alla Procura della Repubblica e se il Cda debba avviare azioni di responsabilità nei confronti del vecchio management. Su questo tema non ci sono commenti ufficiali. Due fonti vicine alla situazione tuttavia riferiscono che la compagnia non è orientata a promuovere azioni di responsabilità.

Sotto osservazione è in ogni caso finita la gestione dell'ex Ceo Giovanni Perissinotto, "sfiduciato" a inizio giugno da un gruppo di soci, tra cui De Agostini, Caltagirone, Leonardo Del Vecchio e Mediobanca.

L'analisi degli investimenti ha svelato - secondo quanto riportato sempre dal Corriere domenica scorsa - alcuni intrecci tra Generali e il mondo che ruota intorno alla holding Ferak, azionista in tandem con Fondazione Crt, tramite il veicolo Effeti, con il 2,26% della compagnia triestina. Si parla della Palladio di Meneguzzo, della famiglia Amenduni e della Finint di Enrico Marchi e Andrea de Vido. Una serie di intrecci che, secondo il quotidiano, porterebbero a un controllo di fatto da parte delle Generali del gruppo Palladio.

Relazioni - quelle tra Meneguzzo e Generali - non così trascurabili alla luce della battaglia per il controllo di Fondiaria-Sai che ha visto di recente contrapposti Palladio, in tandem con la Sator di Matteo Arpe, a Unipol , spalleggiata invece da Mediobanca. La tesi del Corriere è che la coppia Palladio-Sator godesse proprio dell'appoggio di Generali, senza che questo sia stato mai segnalato ad alcuna authority.

(Gianluca Semeraro, Paola Arosio)

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below