PUNTO 1-TI Media,novembre conferma trend negativo,verso taglio costi

giovedì 13 dicembre 2012 17:35
 

(Riscrive e aggiunge background)

MILANO, 13 dicembre (Reuters) - Le indicazioni negative sui conti di novembre spingono TI Media a preannunciare un piano di taglio dei costi nel giorno in cui esce ufficialmente di scena Giovanni Stella, non solo dalla "sua" La7 ma anche dal consiglio di amministrazione.

"Sulla base delle prime evidenze dei risultati consolidati a novembre, che confermano il trend negativo in termini operativi e di indebitamento già evidenziato a settembre, (il Cda) ha dato mandato al management di elaborare un piano mirato al miglioramento della situazione economico finanziaria, anche attraverso un programma di contenimento dei costi", dice una nota del gruppo media che ha chiuso i nove mesi con una perdita netta di 53,8 milioni e un debito di 224 milioni.

Il Cda di oggi ha ringraziato Stella, che si è dimesso dalla presidenza di La7 Srl e anche dal ruolo di consigliere, e alla guida delle attività televisive ha indicato come AD l'attuale DG di TI Media Marco Ghigliani e alla presidenza l'attuale presidente del gruppo Severino Salvemini.

Stella aveva lasciato a fine giugno la carica di AD di TI Media per dedicarsi esclusivamente alla valorizzazione delle attività televisive, messe in vendita con tutta la società dalla controllante Telecom Italia. Il manager ha lavorato in questi anni per raccogliere intorno ai canali di La7 firme importanti del giornalismo e dell'intrattenimento, che hanno però pesato sui costi di palinsesto in un periodo di profonda crisi del mercato pubblicitario.

Il processo di vendita del gruppo è ancora in corso non senza difficoltà: il Cda Telecom del 6 dicembre ha dato mandato al management di negoziare delle condizioni migliorative rispetto alle offerte giunte da Clessidra-Equinox e Cairo giudicate insufficienti.

Una fonte vicina al processo di vendita aveva detto qualche tempo fa a Reuters che TI Media avrebbe bisogno di un taglio costi di circa 20-25 milioni di euro l'anno.

I clienti Reuters possono leggere il comunicato integrale cliccando su   Continua...