HP cede 10% su maxi-accantonamento legato ad acquisizione Autonomy

martedì 20 novembre 2012 17:40
 

NEW YORK, 20 novembre (Reuters) - Seduta in profondo rosso per Hewlett-Packard, affossata dalla perdita registrata nel quarto trimestre fiscale.

Attorno alle 17,40 italiane, il titolo del colosso tecnologico perde il 10,3008%, a 11,93 dollari, dopo aver segnato un minimo di 11,35 dollari.

HP ha messo a bilancio un maxi-accantonamento di 8,8 miliardi di dollari, conseguenza dell'acquisizione della software house Autonomy.

L'accantonamento è dovuto a "gravi irregolarità contabili" di Autonomy.

La posta straordinaria ha provocato una perdita netta nel trimestre di 6,85 miliardi di dollari (3,49 dollari per azione), mentre un anno prima aveva registrato un utile di 239 milioni di dollari.

Deludente anche il dato sui ricavi, scesi del 6,7%, a 29,96 miliardi di dollari; gli analisti, secondo Thomson Reuters Ibes, stimavano un fatturato di 30,43 miliardi.

Intervistato dalla Cnbc, l'amministratore delegato di HP ha detto di ritenere che Autonomy abbia deliberatamente ingannato gli azionisti.

Mike Lynch, ex AD di Autonomy, ha respinto le accuse di HP, definendole false.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia