PUNTO 2-Prysmian, Ebitda e utile netto adjusted in rialzo in nove mesi

giovedì 8 novembre 2012 19:55
 

(Aggiunge dichiarazioni AD e Cfo da conference call)

MILANO, 8 novembre (Reuters) - Prysmian archivia i primi nove mesi dell'anno con ricavi sostanzialmente stabili e margini in crescita.

I ricavi sono calati, a livello organico, dello 0,5%, a 5,930 miliardi, ma l'Ebitda adjusted è salito del 9,8%, a 468 milioni.

Il risultato operativo adjusted è cresciuto dell'11,2%, a 349 milioni.

L'utile netto adjusted, si legge in un comunicato del produttore di cavi, è aumentato del 15,5%, a 194 milioni.

Al 30 settembre scorso, la posizione finanziaria netta era negativa per 1,448 miliardi, in peggioramento rispetto agli 1,064 miliardi al 31 dicembre scorso. A incidere sull'indebitamento, spiega la nota, è stato soprattutto un aumento del capitale circolante per 460 milioni.

Nel corso della conference call di presentazione dei risultati, il direttore finanziario, Pier Francesco Facchini, si è detto "abbastanza fiducioso" di raggiungere il target di indebitamento finanziario netto a fine anno, pur aggiungendo che "non sarà facile".

Facchini, inoltre, ha detto di attendersi per l'anno prossimo "una stabilizzazione del working capital e una riduzione dei costi di ristrutturazione", quindi un miglioramento del free cash flow.

I conti sono sostanzialmente in linea con le attese degli analisti. Nei report pubblicati nelle settimane scorse, Citi stimava vendite pari a 5,88 miliardi e un Ebitda di 463 milioni; Equita prevedeva ricavi pari a 5,886 miliardi, un Ebitda di 463 milioni e un utile netto di 188 milioni; Centrobanca, infine, stimava ricavi pari a 5,929 miliardi e un Ebitda adjusted di 466 milioni.   Continua...