25 ottobre 2012 / 16:44 / 5 anni fa

PUNTO 1 - Luxottica, bene trim3, tra dossier anche Salmoiraghi

(Aggiunge dichiarazioni AD da intervista)

* Utile netto trim3 a 138,6 milioni di euro (+30,6%

* Prosegue crescita in America, Europa mediterranea recupera

* Indicazioni su 2012 restano valide

di Sabina Suzzi

MILANO, 25 ottobre (Reuters) - Luxottica chiude il terzo trimestre con utili e ricavi in deciso aumento, trainati dalla continua crescita dei mercati americani e dal recupero dei paesi dell‘Europa mediterranea, e guarda con fiducia anche al prossimo anno.

Dopo i primi nove mesi, ottobre “ha continuato più o meno con lo stesso trend”, ha detto in un‘intervista telefonica a Reuters l‘AD Andrea Guerra.

Per fine 2012 resta “assolutamente” valida la ‘rule of thumb’ - le indicazioni fornite sulla crescita dell‘anno che prevedono su base omogenea un incremento dell‘utile operativo e dell‘utile netto doppio rispetto ai ricavi, se il fatturato crescerà ‘high-single digit’.

L‘AD ha sottolineato come nei primi 9 mesi del 2012 l‘utile netto abbia già superato il dato dell‘intero 2011. Per la fine dell‘esercizio in corso gli analisti si aspettano in media ricavi superiori ai 7 miliardi rispetto ai 6,2 miliardi dell‘anno scorso.

L‘utile netto del terzo trimestre si attesta a 138,6 milioni di euro (+30,6%), il fatturato sale a 1,78 miliardi, sostanzialmente in linea con le attese Thomson Reuters, mostrando un incremento del 17% a cambi correnti e del 6,7% a parità di cambi.

“Quando guardiamo questi nove mesi e poi nel dettaglio i tre mesi siamo veramente contenti, perché è una crescita corale e non specifica di un marchio o di una geografia”, ha commentato l‘AD.

Se il Nord America (che pesa per circa il 55-60% del fatturato totale) continua a rafforzarsi, la sorpresa positiva arriva dall‘Europa mediterranea. “L‘America cresce in modo solido ormai da tanti trimestri e non vediamo ad oggi nessun segnale di cambiamento”, ha detto Guerra.

L‘Europa Occidentale ha segnato nei 9 mesi una crescita del 3% ma nel solo terzo trimestre è salita del 9%, anche se con velocità diverse: “l‘Europa continentale e nordica ha fatto molto bene, con alcuni paesi anche a doppia cifra, ma la cosa buona è il recupero dell‘Europa mediterranea con una Spagna positiva e un‘Italia molto vicina al breakeven”.

Quanto ai Paesi emergenti “continuano con la loro storia di crescita, il 30% nei primi nove mesi, frutto dei grandi investimenti realizzati negli ultimi cinque anni”.

2013 PUO’ ESSERE ALTRO ANNO DI SODDISFAZIONE

Proiettandosi verso l‘anno prossimo, “siamo pronti, in questo momento il nostro desiderio e la nostra idea è di guardare al 2013 come una naturale evoluzione del 2012”, ha affermato l‘AD.

“E’ evidente che siamo oggi in un mondo in cui i cicli economici sono più rapidi e più nervosi e quindi penso che anche noi dobbiamo essere pronti ad affrontare qualche momento di tensione maggiore. Detto questo, viste tutte le cose che abbiamo fatto - la progettazione, il marchio Armani che arriva, Coach che entra nel secondo anno e tutti gli investimenti fatti in Brasile, che ci portano di nuovo a guardare a quel paese con grandissimo ottimismo - penso che il 2013 possa essere un altro anno di soddisfazione per tutti noi”.

Sul fronte dello sviluppo l‘attenzione del gruppo è rivolta al consolidamento delle operazioni effettuate nel 2011, ha ricordato Guerra, e “a continuare con le nostre piccole acquisizioni. Ne abbiamo fatta una in Spagna e proseguiremo con la nostra frequenza”.

VARI DOSSIER APERTI, ANCHE SU SALMOIRAGHI & VIGANÒ

“Negli ultimi anni il settore dell‘occhialeria italiana ha perso da un punto di vista di italianità tanti protagonisti importanti, tante aziende italiane di occhialeria sono finite in mano non italiana”, ha premesso Guerra rispondendo a una domanda su un possibile interesse di Luxottica per Salmoiraghi & Viganò. “E’ la catena principale italiana e sarebbe un peccato per tutti se alla fine di nuovo vedessimo una scelta straniera, per cui qualche responsabilità da leader ce la sentiamo”.

“Di dossier aperti ne abbiamo, c‘è anche questo. I dossier che noi abbiamo aperti sul tavolo sono tanti e guardiamo sempre a tutti con grande serietà e attenzione”, ha affermato.

Indiscrezioni di stampa odierne dicono che per l‘acquisto di Salmoiraghi & Viganò c‘è un testa a testa tra Italia e Francia con in pista Luxottica da una parte e Alain Afflelou dall‘altra. Il presidente e fondatore Leonardo Del Vecchio, entrando oggi nel primo pomeriggio nella sede della società dove stava per iniziare il Cda sui conti trimestrali, aveva dichiarato: “L‘ho letto anch‘io sui giornali. Non è vero assolutamente”.

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below