Peugeot verso rifinanziamento supportato da Stato, vendite in calo

mercoledì 24 ottobre 2012 09:45
 

PARIGI, 24 ottobre (Reuters) - PSA Peugeot Citroen è vicina a chiudere, con l'aiuto dello Stato, un'operazione di rifinanziamento da 11,5 miliardi di euro per dare fiato al suo ramo finanziario, ha detto il gruppo francese che ha annunciato nel contempo un calo delle vendite nel terzo trimestre del 3,9%.

Per la divisione Banque PSA Finance, Peugeot sta lavorando a un'operazione supportata dal governo insieme alle banche creditrici che prevederebbe emissioni obbligazionarie garantite dallo stato fino a un ammontare di 7 miliardi di euro.

"Gran parte di questo credito è già stato negoziato", ha detto il Cfo Jean-Baptiste de Chatillon in una conference call. "Sarà finalizzato integralmente nei prossimi giorni".

Le vendite del gruppo sono scese a 12,93 miliardi nei tre mesi che si chiudono a settembre da 13,45 miliardi di un anno prima, ha detto Peugeot. I ricavi core della divisione auto sono scesi dell'8,5% a 8,52 miliardi.

"La concorrenza si sta facendo più dura, con una crescente pressione sui prezzi e un prolungato deterioramento dei mercati dell'Europa meridionale", ha detto la società.

Il primo ministro Jean-Marc Ayrault ha spiegato oggi che in base all'accordo di salvataggio Peugeot nominerà un rapprentante dello Stato nel suo supervisory board così come un rappresentante sindacale. Il gruppo non potrà distribuire dividendi finchè riceverà il sostegno pubblico.

Il titolo, dopo un buon avvio, si è girato in negativo e cede intorno alle 9,40 il 3,6% toccando un minimo dal 1986.

"Banque PSA è ora sostenuta dal governo", commenta David Arnold, analista di Credit Suisse. "Sta diventando sempre più ovvio che la cessione di asset non bloccherà la fuoriuscita di cassa".

Il debito netto del gruppo salirà a 3 miliardi di euro a fine anno dai 2,4 miliardi di fine giugno, ha avvertito Peugeot, che ha anche tagliato le previsioni annuali sull'Europa a -9% dal -8% stimato il mese scorso.   Continua...