PUNTO 1-Hera-Acegas, mol sfioreà miliardo al 2016, cedola almeno 9 cent

lunedì 22 ottobre 2012 18:53
 

* Presentato il piano industriale post acquisizione Acegas-Aps

* Investimenti previsti a 1,9 miliardi a fine piano

* Tommasi di Vignano: "Con Acegas bel salto dimensionale" (aggiorna, aggiunge dettagli, dichiarazioni)

di Giancarlo Navach

MILANO, 22 ottobre (Reuters) - Il piano industriale della nuova Hera post integrazione Acegas-Aps prevede un mol di quasi un miliardo di euro al 2016, rispetto ai 764 milioni raggiunti a fine 2011 dalle due utility insieme, su ricavi superiori a 6 miliardi di euro e investimenti per 1,9 miliardi.

Il dividendo minimo che garantirà il nuovo gruppo, operativo dal prossimo gennaio, sarà di 9 centesimi per azione, pari a un monte dividendo di oltre 120 milioni, superiore rispetto a quello distribuito dalle due aziende nel 2011.

Dati che incollano la multiutility di Bologna, guidata da Tomaso Tommasi di Vignano, al secondo posto fra le società italiane del settore subito dopo A2A di cui il mercato attende di conoscere il piano industriale per il prossimo triennio.

"Il piano esibisce una strategia orientata alla continuità che si arricchisce di contenuti importanti, come la politica dei dividendi in linea con quella degli ultimi anni e su questo ci muoveremo", ha così commentato il numero uno di Hera i contenuti del piano in una conference call con gli analisti. "E l'operazione Acegas-Aps ci dà un bel salto dimensionale", ha aggiunto, conferamando l'intenzione di continuare a crescere per linee esterne sempre tenendo presente la contiguità territoriale.

La posizione finanziaria netta negativa sarà di poco superiore a 2.600 milioni a fine piano, al di sotto di 2,7 volte il margine operativo lordo (in progressiva contrazione rispetto al 3,1 del 2011), sottolinea il gruppo in un comunicato.   Continua...