Prelios, trimestre in rosso, prudente su outlook

martedì 8 maggio 2012 14:35
 

MILANO, 8 maggio (Reuters) - Prelios ha registrato nel primo trimestre ricavi in calo e un risultato netto in perdita ed è prudente sul resto dell'anno a causa della debolezza del mercato immobiliare per il quale non si aspetta una "significativa inversione di tendenza nel breve termine".

I ricavi consolidati sono scesi a 32,9 da 46,4 milioni; di questi, quelli relativi alla piattaforma di gestione sono scesi a 30,9 da 41,9 milioni a causa principalmente del rallentamento del fatturato dei servizi di agency.

Il risultato operativo gestionale è positivo per 2,7 milioni a fronte dei 19,5 milioni del primo trimestre 2011, che era stato influenzato da operazioni importanti come la vendita dello storico immobile de La Rinascente a Milano.

Il risultato netto di competenza è negativo per 23,7 milioni da un utile di 10 milioni. Pesano quest'anno, sottolinea la nota, svalutazioni di partecipazioni e investimenti immobiliari per 8,4 milioni.

La posizione finanziaria netta è passiva per 494,8 milioni da 488 milioni a fine 2011, il gearing è pari a 1,63 (era 1,50 a dicembre 2011).

Il gruppo ricorda che sono in corso trattative per la possibile cessione della piattaforma di servizi tedesca e che "un importante gruppo multinazionale ha manifestato un interesse anche per l'acquisto di partecipazioni in alcune società di servizi italiane e per una quota di minoranza di Prelios SGR". "Sono attualmente in corso le trattative e in questa fase non sono ancora stati definiti termini e condizioni dell'eventuale accordo", dice la nota.

Per l'anno in corso Prelios conferma la strategia di riposizionamento in "pure management company" con focus sul mercato domestico e di voler valorizzare gli investimenti e ridurre i costi ma sottolinea che "l'efficace conseguimento degli obiettivi prefissati (nel piano 2012-2014) potrebbe essere condizionato dal perdurare di una situazione di forte debolezza del mercato immobiliare".

I clienti Reuters possono leggere il comunicato integrale cliccando su   Continua...