PUNTO 1-Mediaset,nessun segnale ripresa pubblicità-PS Berlusconi

giovedì 3 maggio 2012 16:42
 

(Aggiunge dettagli)

COLOGNO MONZESE, 3 maggio (Reuters) - Mediaset non vede al momento segnali di ripresa nel settore della pubblicità in Italia e si aspetta una contrazione, nel 2012, anche per tutto il mercato della pay tv, in cui però conta di guadagnare posizioni.

Lo ha detto il vicepresidente Pier Silvio Berlusconi a margine della presentazione della versione di Premium Play per l'iPad.

"Le cose stanno andando in linea con gli ultimi mesi, non ci sono segnali di ripresa ma non stanno neanche andando peggio", ha risposto Berlusconi a una domanda sull'andamento della raccolta pubblicitaria del gruppo. Mediaset comunicherà i conti del trimestre l'8 maggio, ma in occasione dell'assemblea di bilancio, il 18 aprile scorso, il management ha anticipato che la raccolta in Italia ha registrato nei primi tre mesi dell'anno una contrazione intorno al 10%.

Pier Silvio Berlusconi ha ribadito oggi che il piano di taglio costi triennale da 250 milioni messo in atto dallo scorso luglio, affiancato da un piano di ristrutturazione aggiuntivo in programma da prima della crisi, è a suo giudizio sufficiente per affrontare la difficile congiuntura. "Abbiamo fatto un'operazione di grandissima efficienza, su molte voci diverse, e tutto questo ha portato a un obiettivo che per noi è giusto per superare questo momento difficile. Certo questa crisi è tosta sul serio, bisogna avere polsi fermi ed equilibrio", ha detto.

Annunciando il lancio, domani, del servizio on demand di Mediaset Premium per l'iPad (era già disponibile su Tv, computer e console giochi XBox), Berlusconi si è soffermato anche sulla salute della pay Tv nel suo complesso.

"Con la crisi gli italiani hanno poca voglia di spendere", ha detto. "Il mercato della pay - tutta, anche il satellite - non crescerà quest'anno; anzi per la prima volta da quando è stata introdotta in Italia vedremo probabilmente una contrazione. Noi stiamo facendo di tutto per salvaguardare la nostra posizione, anzi stiamo guadagnando posizioni di mercato".

Oggi, a mercati chiusi, saranno diffusi i risultati delle controllate EI Towers e Mediaset Espana. Mediobanca si aspetta un quadro "estremamente debole" del mercato pubblicitario spagnolo, con ricavi in calo, per Mediaset Espana, del 15,4% a 225,2 milioni e un utile netto in contrazione dell'82,3% a 12,8 milioni. "Una boccata d'aria fresca", scrive in uno studio la banca d'affari, potrebbe venire invece dai risultati di EI Tower, i primi relativi alla società nata dall'integrazione tra Dmt e le torri di Mediaset.

Intorno alle 16,30 Mediaset cede l'1,7% in un mercato in calo dello 0,8%.   Continua...