Occhialeria Italia,in 2012 export cresce meno,mercato interno fermo

giovedì 8 marzo 2012 14:01
 

MILANO, 8 marzo (Reuters) - Il settore italiano dell'occhialeria ha chiuso il 2011 in positivo ma con un rallentamento negli ultimi mesi dell'anno, che si sta confermando anche a inizio 2012, con il mercato interno stagnante.

A fronte dello scenario macroeconomico internazionale il rallentamento della domanda mondiale di occhialeria quest'anno si farà più intenso, continuando a mostrare tassi inferiori alla media storica anche nel 2013.

E' quanto emerso nella conferenza stampa di presentazione di Mido 2012, la mostra annuale dell'eyewear.

Secondo i dati illustrati dal presidente di Mido e Anfao (associazione nazionale fabbricanti articoli ottici) Cirillo Marcolin, la produzione dell'occhialeria italiana nel 2011 è stata di 2.650 milioni di euro, con un aumento dell'8,2% rispetto all'anno precedente.

La crescita è stata guidata soprattutto dall'andamento delle esportazioni, che si sono mantenute in trend positivo a due cifre per tutta la prima parte dell'anno (+15% la media mensile) ma con un tasso di crescita che si è notevolmente ridotto nei mesi a seguire.

"Il mercato interno è la nota dolente", ha sottolineato Marcolin. Nonostante le criticità siano ancora minori rispetto ad altri settori dei beni durevoli, i consumi stentano a trovare una dimensione positiva rimanendo sostanzialmente stabili (+0,4% il mercato interno nel 2011 a livello di sell-in).

La tendenza si ripete nel primo trimestre del 2012, in cui l'export sta crescendo a tassi inferiori e il mercato interno continua a essere stagnante.

Per affrontare i prossimi anni la ricetta proposta è quella di cogliere le opportunità nei nuovi mercati. Le maggiori occasioni di crescita saranno concentrate in Europa Orientale, Asia e America Latina, mentre le tradizionali mete dell'export italiano (Europa Occidentale e Nafta) risulteranno più colpite dalla decelerazione della domanda.

  Continua...