Enel, in piano 2012-2016 cessioni per 1,8 mld

giovedì 8 marzo 2012 10:19
 

ROMA, 8 marzo (Reuters) - Enel, nel piano 2012-2016 ha previsto dismissioni di asset minori per 1,8 miliardi, di questi 1,3 miliardi saranno poi utilizzati per riacquistare le partecipazioni di minoranza in mano ad azionisti locali oggi presenti nelle società operative in America latina.

Lo si legge nelle slide pubblicate sul sito del gruppo che illustrano il piano per il prossimo quinquennio.

Fra gli asset che saranno messi in vendita, dice una fonte del gruppo "oltre alla quota di circa il 5% di Terna già ceduta il mese scorso ci sono Endesa Irlanda e un società che gestisce una tratto della rete in Brasile". Dalla cessione relativa a Terna, Enel ha incassaro 281 milioni.

In America Latina, Enel condivide con gli azionisti locali il controllo di alcune società acquistate con Endesa.

Da tempo Enel aveva messo in conto di riacquistare dai soci locali le partecipazioni di minoranza.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia