21 febbraio 2012 / 17:18 / 5 anni fa

PUNTO 1 - TI Media, La7 sostiene conti 2011, piano il 20 marzo

(Aggiunge dettagli, commento a titolo)

MILANO, 21 febbraio (Reuters) - Telecom Italia Media chiude il 2011 con margini sopra le attese grazie a risultati brillanti per La7, che hanno in parte compensato quelli di Mtv e delle attività di operatore di rete.

Le proiezioni per il 2012 sono rimandate al piano industriale che sarà presentato il 20 marzo insieme ai risultati definitivi; si sa per ora che i primi due mesi di La7 sono andati molto bene in termini di raccolta pubblicitaria e che la jv con Viacom su Mtv non verrà scolta ma rafforzata per trasformare la Tv in un canale generalista. Nessuna novità infine sul partner di TI Media, per il quale ogni decisione "spetta a Telecom Italia", socio di controllo con quasi il 78% del capitale.

Il titolo, salito fino a +6,6% dopo la pubblicazione dei risultati, ha chiuso in calo del 2,6% con scambi oltre cinque volte la media di un'intera seduta. "I conti erano nella parte alta del consensus e la crescita della pubblicità di La7 nel bimestre assolutamente sorprendente. Il titolo si è sgonfiato per l'assenza di indicazioni sul 2012 e sul partner", dice un analista.

"Devo confessare che tutto il lavoro che dovevo fare su questo punto l'ho fatto, da dicembre ho passato il tempo a fare simulazioni, ipotesi, ma è una scelta che non dipende da me. Io gestisco TI media, che è posseduta da Telecom; ho sottoposto tutto a loro e da loro aspetto indicazioni", si è limitato a dire l'AD Giovanni Stella sulla questione partnership nel corso della conference call sui risultati.

RICAVI IN CALO, +35% RACCOLTA LA7 GENNAIO-FEBBRAIO

Secondo i dati preliminari, i ricavi del gruppo sono scesi del 7,9% a 238,2 milioni, mentre l'Ebitda è salito a 28 milioni da 13,2 mln di un anno prima. L'Ebitda comparabile, che - dice una nota - enuclea l'importo di 20,5 milioni di euro riconosciuto alla società da Telecom Italia a titolo di indennizzo in conseguenza della risoluzione anticipata del contratto di Competence Center - ammonta a 7,5 milioni di euro, in diminuzione di 5,7 milioni di euro rispetto al 2010.

Le stime degli analisti raccolte da Thomson Reuters IBES prevedevano in media un Ebitda di 24,4 milioni.

L'Ebit è negativo per 30,7 milioni da -46 milioni; in termini comparabili è pari a -51,2 milioni.

L'indebitamento finanziario netto è pari a 138,7 milioni, in aumento di 23,2 milioni rispetto a fine 2010 (115,5 milioni di euro).

I ricavi di TI Media-La7 per l'esercizio 2011 sono pari a 139,9 milioni (+21%) grazie alla maggiore raccolta pubblicitaria lorda complessiva (185,7 milioni, in aumento del 32,1%) legata all'incremento dell'audience share di La7 (3,85% la media giornaliera, +24,6%); nei primi due mesi del 2012 la raccolta pubblicitaria è cresciuta del 35% circa in un mercato che anche per il 2012 si presenta molto difficile per il settore. "Una performance sorprendente" per lo stesso AD Giovanni Stella che ha sottolineato come "il primo bimestre sia il periodo più brutto per noi, mentre da marzo partiamo con nuovi prodotti che aumenteranno la nostra share"; il manager non ha voluto però dare indicazioni prospettiche.

MTV DIVENTA TV GENERALISTA, TRATTATIVE PER NUOVO CANALE

I ricavi 2011 di MTV sono scesi del 24,5% a 73,8 milioni, con un calo della pubblicità del 16,1%; l'Ebitda è quasi dimezzato a 6,6 milioni.

"Il periodo di indecisione su Mtv è terminato, abbiamo preso una decisione", ha detto Stella: nè cessione del 51% a Viacom, nè acquisizione del suo 49%, ma un consolidamento della joint venture che porterà alla trasformazione del canale musicale in una Tv generalista. .

TI Media è poi al lavoro anche su un nuovo canale: "Ho in negoziazione un nuovo canale sul digitale terrestre, siamo alle battute conclusive per una jv con un partner in cui noi avremo il 30%. Se questo avverrà dovrò sacrificare un po' di banda per l'alta definizione di La7.

Completata infine, a fine gennaio, l'occupazione della banda, che aveva risentito tra l'altro dal fallimento di Dahlia. I ricavi 2011 delle attività legate all'operatore di rete sono scesi di 21,2 milioni a 54,9 milioni, l'Ebitda è sceso a 23 milioni da 34,7. "Non credo che nel 2012 arriveremo al margine del 2010, ma stiamo migliorando molto e credo ci avvicineremo".

I clienti Reuters possono leggere il comunicato integrale cliccando su

(Claudia Cristoferi)

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below