PUNTO 1-Edison, 2011 in profondo rosso causa Edipower, mercato gas duro

martedì 14 febbraio 2012 13:34
 

* Svalutazioni per 928 milioni

* Con Algeria contratti gas rinegoziati in 2013 - AD

* Clienti retail salgono a 1,4 mln

* In sem2 nuovo piano industriale (Riscrive, aggiunge altri dettagli)

di Giancarlo Navach

MILANO, 14 febbraio (Reuters) - Edison archivia il 2011 con risultati in profondo rosso penalizzato da svalutazioni e perdite da cessioni per complessivi 928 milioni - all'interno di un mercato del gas che continua a essere critico sia in Italia che all'estero a seguito del disallineamento fra il prezzo del gas spot e il costo di quello legato ai tradizionali contratti di acquisto a lungo -, ma guarda con fiducia a quello che sarà la società post riassetto a controllo e guida Edf.

I ricavi si attestano a 12.097 milioni, in crescita del 15,8%, l'Ebitda è pari a 1.003 milioni, in calo del 26,7%. Questi dati, spiega un comunicato, comprendono l'apporto di Edipower. Se si esclude invece il contributo di Edipower, la cui partecipazione sarà ceduta a Delmi alla luce degli accordi per il riassetto societario del gruppo con le utility italiane A2A e Iren, i ricavi ammontano a 11.381 milioni (+17,5%), l'Ebitda scende a 887 milioni (-29,8%), mentre il risultato netto è negativo per 871 milioni dall'utile di 21 milioni del 2010 "a seguito della classificazione di Edipower tra le attività destinate alla vendita e dell'aumento dell'imposizione dovuto, fra le altre cose, all'applicazione della Robin Hood Tax".

Bene la crescita dei clienti retail che hanno raggiunto quota 1,4 milioni con un incremento nel residenziale elettrico del 70% e del gas del 14%.

Le svalutazioni nette si attestano a 350 milioni e sono legate alla filiera elettrica, mentre la decisione di cedere il 50% di Edipower a Delmi per 600 milioni incide negativamente per 591 milioni, di cui 572 di svalutazione. In altri termini, il gruppo aveva in carico tutta Edipower a 2,2 miliardi, mentre i 600 milioni pattuiti con Delmi per la vendita della partecipazione valorizzano tutto il gruppo 1,2 miliardi.   Continua...