PUNTO 2- Indesit, costo materie prime e calo domanda pesano su trim4

venerdì 10 febbraio 2012 18:18
 

(aggiunge dichiarazioni da conference call in paragrafo 4, aggiorna quotazione)

MILANO, 10 febbraio (Reuters) - Indesit chiude il 2011 con utile netto in calo e ricavi per 2,8 miliardi di euro, sostanzialmente in linea con le stime della stessa società di elettrodomestici.

I risultati si inseriscono in un contesto di mercato non favorevole, caratterizzato dall'aumento del costo delle materie prime e dal calo della domanda nella seconda parte dell'anno.

Il 2012 si presenta "altrettanto difficoltoso", commenta nella nota sui risultati l'AD Marco Milani, "ma tutti i nuovi e innovativi prodotti Hotpoint sono ora nei punti vendita e nel corso dell'anno ne vedremo i benefici".

Durante la conference call di presentazione dei risultati Milani ha sottolineato che il 2012 è partito in linea con le difficoltà dell'anno scorso ma dai primi giorni di febbraio sono emersi segnali positivi, soprattutto in Russia.

Il titolo a Piazza Affari ha chiuso in calo di oltre il 6% a 4,404 euro, in un mercato generale debole (-1,76% il Ftse Mib). Molto vivaci gli scambi, quasi sette volte la media di un'intera seduta.

Per il 2011 il Cda propone la distribuzione di un dividendo di 0,23 euro con un payout del 40% circa. Lo scorso anno aveva distribuito un dividendo di 0,30 euro.

L'utile netto si attesta a 58,8 milioni, in calo dagli 89,7 milioni del 2010. Nel solo quarto trimestre il dato è pari a 11,8 milioni da 21,9 milioni.

I ricavi 2011 ammontano a 2,825 miliardi, con un decremento dell'1,8% e un rallentamento più pronunciato nell'ultimo trimestre dell'anno (-8,6% a 740,9 milioni).   Continua...