PUNTO 1-Fondiaria-Sai, aumento fino a 1,1 mld, Solvency 2011 al 75%

lunedì 30 gennaio 2012 08:39
 

(Aggiunge dettagli da note Unipol, Premafin)

MILANO, 30 gennaio (Reuters) - Il Cda di Fondiaria-Sai ha deliberato di proporre all'assemblea dei soci, convocata per il 16 e il 19 marzo, un aumento di capitale fino a 1,1 miliardi di euro.

L'aumento si inserisce nell'ambito del progetto di integrazione a quattro con Unipol, la controllante Premafin e Milano Assicurazioni, per il quale nel weekend è stato stipulato un accordo tra la compagnia bolognese e la holding e che si prevede sia completato entro fine 2012.

L'ammontare dell'operazione Fonsai è superiore a quello fissato a fine dicembre che prevedeva una ricapitalizzazione fino a 750 milioni: l'aggiornamento delle stime preliminari sulla chiusura dell'esercizio 2011 ha infatti evidenziato una perdita consolidata netta di 1,1 miliardi e un solvency ratio intorno al 75%, dice una nota.

Questo a causa di adeguamenti delle riserve sinistri sull'RC Auto per 790 milioni, rispetto ai 660 milioni previsti a fine dicembre e di svalutazioni su immobili per 145 milioni, aggiuntivi rispetto ai 165 milioni già comunicati. La compagnia sottolinea nella nota che l'andamento operativo e gestionale dell'ultima parte del 2011 ha confermato il trend già emerso nel corso dell'esercizio.

L'aumento di capitale - finalizzato al raggiungimento di un solvency ratio di almeno il 120% - sarà preceduto dall'eliminazione del valore nominale delle azioni e dal raggruppamento secondo un rapporto di 1 a 100 e riguarderà sia le azioni ordinarie sia le azioni di risparmio con emissione di titoli della stessa categoria.

L'operazione dovrebbe partire a maggio 2012. Questa tempistica tiene conto dell'ipotesi di integrazione annunciata nel weekend da Unipol e Premafin.

Il Cda ha dato mandato a Mediobanca per la costituzione di un consorzio di garanzia.

Nel weekend Unipol e Premafin hanno sottoscritto un accordo per la realizzazione del progetto di integrazione a quattro che porterà alla nascita di un maxi polo assicurativo in grado di contendere la leadership di mercato in Italia a Generali .   Continua...