Banche, possibili capital gain da buyback Tier1 e Tier2 - studio

giovedì 26 gennaio 2012 13:23
 

ROMA, 26 gennaio (Reuters) - Le numerose emissioni Tier1 e Tier2 delle banche italiane trattano a prezzi di mercato fortemente scontati rispetto ai valori scritti in bilancio e potrebbero essere ricomprati con consistenti capital gain. Lo scrive un report sulle banche italiane Exane dopo che proprio ieri Unicredit ha lanciato una operazione del genere fino a 3 miliardi.

"Con un prezzo di mercato dei titoli Tier1 e Tier 2 sotto il nominale, il riacquisto di questi strumenti potrebbe generare consistenti plusvalenze riducendo così i deficit di capitale calcolati dall'Eba", scrive Exane nel report.

"Sebbene la Banca d'Italia non abbian mai autorizzato il riacquisto di debito subordinato senza che venga rimpiazzato, considerando che le tre banche hanno aumentato il capitale lo scorso anno, non possiamo escludere un atteggiamento più morbido del regolatore", dice Exane riferendosi agli aumenti di Mps , Ubi e Banco Popolare > e osservando che il regolatore tedesco ha autorizzato Commerzbank a fare una operazione di puro buyback.

In una tabella poi Exane stima il potenziale capital gain che ciascuna banca potrebbe fare considerando i suoi titoli outstanding, il prezzo di mercato e l'ipotesi di un premio pagato per il riacquisto.

Banco Popolare ha titoli Tier1 in circolazione per 1,2 miliardi e Tier2 per 2,7 miliardi con prezzi attuali di molto sotto la pari. Pur pagando un premio del 20% la banca avrebbe da un buy back una plusvalenza pre tasse di 855 milioni (netta 573 milioni).

Ubi ha 450 milioni di Tier1 e poco più di 200 di Tier2 con una plusvalenza teorica calcolata (sempre con premio del 20% sui prezzi di mercato) di 119 milioni (79 milioni netti).

Mps ha 650 milioni in circolazione di Tier1 e quasi 5 miliardi di Tier2 con Exane che stima una plusvalenza pre tasse di 581 milioni (390 milioni al netto).

Intesa Sanpaolo, che non ha dovuto fare alcuna operazione sul capitale perché già rispetta i criteri richiesti da Eba, ha 3,750 miliardi di Tier1 e quasi 9 miliardi di Tier2 con una plusvalenza teorica di 742 milioni (netta di 497).

Pop Milano ha infine, secondo la tabella di Exane, poco meno di 200 milioni di Tier 1 in circolazione e quasi 1,3 miliardi di Tier2 con una plusvalenza stimata a 195 milioni (netta a 130 milioni).   Continua...