PUNTO 2-Generali, netto 9 mesi a 825 mln (-37%), in tr3 19,5 mln

venerdì 11 novembre 2011 18:35
 

(Aggiunge dettagli da conference call)

MILANO, 11 novembre (Reuters) - Generali ha chiuso i primi nove mesi con un utile netto in calo del 37,1% a 825 milioni dopo svalutazioni complessive per 824 milioni.

In particolare le svalutazioni sui titoli sovrani della Grecia sono salite a 329 milioni (erano 140 milioni a fine giugno). A seguito del nuovo piano di salvataggio discusso a livello comunitario a fine ottobre, Generali ha svalutato anche i titoli con scadenza successiva al 2020, spiega una nota.

Nel solo terzo trimestre l'utile netto è stato di 19,5 milioni di euro, contro i 439,8 milioni di un anno prima, frutto dell'inasprimento del "contesto macroeconomico segnato da un'eccezionale crisi dei mercati finanziari e dei debiti sovrani", si legge nella nota.

Il risultato operativo si mantiene nei nove mesi stabile a 3,1 miliardi con una forte crescita nei rami Danni (+36,4% a 1,2 miliardi), che rappresenta la migliore performance negli ultimi tre anni. Il combined ratio è sceso al 96,6% dal 98,8% di fine settembre 2010. Nel segmento Vita, invece, il risultato è stato di 1,98 miliardi (-14,1%).

I premi lordi complessivi nei nove mesi sono stati di 51,3 miliardi (-4,6%), di cui 16,9 miliardi nei Danni (+2,3%) e 34,4 miliardi nel Vita (-7,7%).

Il titolo ha chiuso in rialzo del 2,31% a 12,42 euro seguendo la scia del rimbalzo di tutto il mercato. Lo stoxx europeo del settore ha guadagnato il 3,75%. Dall'inizio dell'anno Generali è uno dei titoli che è sceso meno (circa il 15%).

I commenti degli analisti appaiono cauti. Un broker estero parla di "un buon insieme di risultati anche se non particolarmente eccitante con il settore Danni che ha una performance solida e supera le attese, mentre Vita e servizi finanziari soffrono un po' più delle aspettative l'attuale scenario macro".

Un altro parla di utile leggermente sotto le attese ma a causa di svalutazioni più alte delle aspettative e sottolinea la buona performance del business non Vita.   Continua...