PUNTO 2-Unicredit,non c'è stima necessità capitale,tante variabili

martedì 18 ottobre 2011 19:10
 

(Aggiunge nota UniCredit in paragrafo 8)

di Gianluca Semeraro

MILANO, 18 ottobre (Reuters) - UniCredit non ha ancora una stima delle proprie necessità di capitale perchè dipende da tante variabili esterne.

Lo ha detto un consigliere, che ha chiesto l'anonimato, lasciando la sede della banca dove oggi si è svolto un Cda su temi "di ordinaria burocrazia".

"Una stima non c'è perchè dipende da tante variabili esterne. Ogni giorno escono dagli analisti nuovi numeri", ha detto il consigliere rispondendo a chi gli chiedeva se la banca avesse formulato una stima sulle proprie necessità di capitale e l'avesse condivisa con il consiglio.

Gli analisti stimano necessità patrimoniali tra 5 e 7 miliardi, con punte di 13 miliardi in caso di scenario decisamente avverso. Una fonte vicina alla situazione spiega, tuttavia, che non necessariamente queste cifre si tradurranno in un aumento di capitale della stessa entità, considerando le possibili dismissioni, i tagli sui costi e la capacità di generazione organica.

Già ieri una fonte vicina alla situazione aveva prospettato la possibilità di una soluzione mista "in parte con un aumento, in parte con la generazione interna e il resto con la cessione di asset" pur aggiungendo che "la situazione è del tutto fluida". Per dettagli

Il velo potrebbe essere sollevato a metà novembre quando è attesa la presentazione del piano industriale che conterrà - come più volte spiegato dall'AD Federico Ghizzoni - anche indicazioni sulla gestione del capitale.

Oggi si è svolta una riunione del consiglio su temi di ordinaria amministrazione in cui - ha spiegato il consigliere - "non si è parlato del piano e neanche di un eventuale aumento o rafforzamento del capitale che è un tema prettamente legato al piano che approveremo a novembre".   Continua...