Banca WeBank (Bpm), vede in 2012 Ebit 22 mln, 120.000 clienti

mercoledì 4 novembre 2009 15:21
 

MILANO, 4 novembre (Reuters) - Banca WeBank, la banca online del gruppo Pop Milano (PMII.MI: Quotazione), punta a superare entro il 2012 quota 120.000 clienti, con masse intermediate di 4 miliardi di euro e un Ebit di oltre 22 milioni.

Sono questi i target presentati oggi dalla quinta banca retail del gruppo Bpm che nasce dopo il via libera della Banca d'Italia per la trasformazione in banca della società di servizi We@Service e che integra WeTrade, l'ex IntesaTRADE acquisita la scorsa estate da Intesa SanPaolo (ISP.MI: Quotazione).

"Sono numeri sostenibili e speriamo di superarli", ha detto Andrea Cardamone, direttore generale di WeBank spiegando alla stampa il piano triennale.

Il manager ha sottolineato che non si tratta di una start-up: il nuovo soggetto, infatti, può contare su un'esperienza di dieci anni sull'online banking, da quando è nata l'iniziativa WeBank, e che oggi si inserisce nelle strategie distributive del gruppo Pop Milano che per sua nautura è strettamente legata al territorio.

"Vogliamo uscire dal perimetro fisico del territorio e diventare una banca nazionale" aggregando al territorio fisico anche quello virtuale, ha spiegato Cardamone ricordando che con la nuova banca "non duplichiamo i costi".

A oggi WeBank conta circa 45.000 clienti ai quali bisogna aggiungere 35.000 clienti portati in dote da WeTrade.

Escluso al momento un progetto di Ipo della banca online.

"Oggi non abbiamo progetti di questa natura. Non c'è nè una velleità manageriale, nè un interesse industriale a fare operazioni di questo tipo", ha detto Cardamone.