Moda Italia, ricavi 2009 in calo anche di 10%, riduzione margini

martedì 3 novembre 2009 17:04
 

MILANO, 3 novembre (Reuters) - Le imprese italiane della moda intravedono i "primi timidi segnali di ripresa" per il 2010 dopo un 2009 che potrebbe chiudersi con un calo del fatturato anche del 10%.

Lo ha dichiarato Carlo Pambianco, presidente di Pambianco Strategie di Impresa, intervenendo al convegno sulla moda organizzato insieme a Intesa San Paolo (ISP.MI: Quotazione).

"Quasi tutte le aziende intervistate hanno parlato di timidi segnali di ripresa. Le vendite per la primavera-estate 2010 evidenziano un risultato sostanzialmente di parità. Questo significherebbe che la crisi ha toccato il suo punto più basso e da lì inizia ora la risalita", ha spiegato Pambianco.

Per il 2009 il consulente stima per le 33 aziende del campione intervistato un calo del fatturato del 6,3% a 3,5 miliardi di euro con un margine di Ebitda in calo al 9% sul fatturato dall'11% del 2008, per complessivi 313 milioni.

"Si tratta però di imprese che vanno bene quindi il campione non è rappresentativo. Il risultato finale potrebbe essere peggiore con un fatturato in calo di altri 3-4 punti percentuali e l'Ebitda di altri 1-2 punti", ha aggiunto Pambianco.

Secondo Gregorio De Felice, chief economist di Intesa San Paolo, "la contrazione dei fatturati a consuntivo 2009 sarà tale da portare a severi rischi di uscita di un numero non trascurabile di imprese, con una nuova riduzione della base produttiva italiana nel settore".