Auto, Germania abbassa stime 2009, GM cala a borsa Francoforte

mercoledì 3 dicembre 2008 12:53
 

FRANCOFORTE, 3 dicembre (Reuters) - Il settore auto che perde quasi 3% e, in particolar modo, le case automobilistiche tedesche che oggi hanno lanciato una revisione delle stime al ribasso sul 2009 contribuiscono a deprimere gli indici europei, mentre anche General Motors GM.DE scambia a Francoforte meno 6,7% a 3,62 euro.

Nel quadro di una generale crisi dell'industria, in Germania si lamentano oggi i risultati peggiori, in termini di vendite di auto, dalla riunificazione del paese nel 1990.

La immatricolazione di nuove auto in Germania nel 2009 scenderà ulteriormente, ha avvisato l'associazione di costruttori d'auto tedesca Vda, a 2,9 milioni dai 3,1 previsti per quest'anno.

"Caleranno in modo consistente anche esportazioni e produzione. La situazione è drammatica", ha affermato il presidente della Vda Matthias Wissmann. "Prevediamo che il mercato automobilistico si riprenda a partire dal 2010".

Il pessimismo dei costruttori d'auto segue le dichiarazioni di ieri della Vdik, l'associazione tedesca di importatori d'auto, sul calo del 18% soltanto nel mese di novembre delle immatricolazioni.

Ancora peggiore il quadro negli Usa, dove quelle che erano una volta le "big three" oggi chiedono all'Amministrazione un'immediata infusione di liquidità per evitare il fallimento.

GM in particolare ha chiesto 18 miliardi di dollari, di cui 4 entro la fine di dicembre, preannunciando un drastico piano di riassetto.

Intorno alle 12,50 l'indice paneuropeo Stoxx600 .STOXX arretra di 1,5% poco sopra i minimi di seduta. Alla stessa ora l'indice dei titoli auto cede il 2,57%, dopo essere sceso attorno a -3%.

Tra i titoli peggiori Bmw (BMWG.DE: Quotazione) e Daimler (DAIGn.DE: Quotazione), che registrano cali oltre 4%. Male anche Peugeot (PEUP.PA: Quotazione) e Renault (RENA.PA: Quotazione) in discesa di oltre 2%.