July 17, 2008 / 1:50 PM / 9 years ago

PUNTO 1 - Sea -4,8 mln passeggeri 2008, Mol +4,5% a 2016 -Bonomi

3 IN. DI LETTURA

(aggiunge dettagli piano, dichiarazioni Bonomi)

MILANO, 17 luglio (Reuters) - Il sistema aeroportuale milanese chiuderà il 2008 con un calo di passeggeri di 4,8 milioni.

Lo ha detto il presidente di Sea, Giuseppe Bonomi, illustrando il piano industriale al 2016 della società che gestisce gli scali di Malpensa e Linate.

"Il preconsuntivo stima 28,8 milioni di passeggeri contro 33,6 milioni del bilancio 2007", ha affermato Bonomi.

Il presidente ha sottolineato il "decremento fortissimo di Alitalia AZPIa.MI su Malpensa, che cala di 7,3 milioni di passeggeri, e l'incremento degli altri vettori".

Il piano 2009-2016 - predisposto soltanto un anno dopo il precedente a causa del procedimento di de-hubbing di Alitalia su Malpensa - prevede due opzioni: la presenza di un hub carrier a Malpensa entro cinque anni o lo sviluppo dello scalo lombardo come "grande aeroporto internazionale".

Le due alternative, con la ricerca di un nuovo hub carrier definita "obiettivo prioritario ma non esclusivo", contemplano stime differenti.

Per quanto riguarda i passeggeri, il piano prevede di raggiungere quota 42 milioni nel 2015, in caso di individuazione di un nuovo hub carrier, o 38,5 milioni nella seconda ipotesi.

In termini di Ebitda, le due opzioni conducono a stime di incremento medio annuo, rispettivamente, del 4,5% e del 2,3%.

Bonomi ha illustrato le linee generali del piano, pur ammettendo che "non è immutabile, verrà aggiornato", anche perché, "stiamo attraversando un ciclo negativo".

La prima fase nei prossimi due anni vedrà una riduzione del traffico, ha spiegato, che però "non pregiudicherà, né rallenterà la politica di investimenti infrastrutturali", che nel periodo sono stimati in 1,4 miliardi. In cantiere, il completamento del Terminal 2 che "si sta vocando al low cost", la terza pista e, a fine piano, il primo lotto del Terminal 3.

Per Linate, il presidente di Sea vede un futuro da city airport, "uno dei salotti di Milano".

Nel piano anche un aumento del traffico Cargo del 3,5% medio annuo e un dimezzamento entro il 2010 della perdita operativa di Sea Handling.

Tornando sul tema dell'eventuale nuovo hub carrier in sostituzione di Alitalia il presidente ha spiegato a proposito dell'intesa di aprile con Lufthansa (LHAG.DE) che "ci sono i prodromi perché (il vettore tedesco) diventi l'hub carrier di Malpensa, ma la prospettiva va tradotta in atti e fatti concreti".

Pessimismo sulla nostra compagnia di bandiera, che "non esiste più di fatto e rischia a breve di non esistere più anche in diritto....(mentre) il progetto di salvataggio di Intesa Sanpaolo (ISP.MI) per ora non c'è".

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below