24 gennaio 2013 / 08:11 / tra 5 anni

Borsa Milano chiude in rialzo spinta da bancari, prosegue crollo Mps

L'ingresso di Borsa Italiana a Milano.Stefano Rellandini

MILANO (Reuters) - Dopo una mattinata incerta, Piazza Affari migliora nel pomeriggio, agganciata al trend europeo, e chiude la seduta in territorio positivo, con gli operatori in parte sollevati dalle performance discrete di Wall Street.

A seguito del flop dei conti trimestrali di Apple, gli investitori temevano oggi un tracollo del Nasdaq, che invece ha dimostrato una certa resilienza "tranquillizzando gli animi".

"Chi nel pomeriggio si attendeva una discesa sulla scia di Apple, una volta visto che Wall Street teneva, è corso a comprare", nota un trader.

Dalle sale operative riferiscono che il mood sui mercati è generalmente positivo. "Sul Ftse Mib c'è una certa dose di sotto-investimenti e dunque i player sono tornati ad acquistare", aggiunge un secondo operatore.

In chiusura, l'indice principale segna +1,01% mentre l'AllShare avanza dello 0,91%. Volumi scambiati per un controvalore di circa 2,5 miliardi di euro. In Europa, il paniere FTSEurofirst è in rialzo dello 0,27%.

* Prosegue il crollo di MPS che chiude in calo dell'8,16% a 0,23 euro, sulla bufera per le perdite registrate su operazioni strutturate. [ID:nL6N0AT4LP] Gli scambi sono stati consistenti, pari a quasi tre volte la media di un'intera seduta, mentre è passato di mano il 7,4% del capitale.

* Si muove con trend opposto il paniere delle banche italiane, che nel pomeriggio accelera dando una spinta vigorosa agli indici italiani. La migliore è UNICREDIT in rialzo del 4,16%, seguita a ruota da POP EMILIA. Bene anche INTESA SANPAOLO, MEDIOBANCA e le altre popolari.

* Toniche AZIMUT, MEDIOLANUM e, fuori dal paniere principale, BANCA GENERALI, nella giornata in cui sono stati pubblicati i dati sul risparmio gestito di dicembre.

Su Azimut, che ha visto volumi quasi nove volte la media di un'intera seduta, un trader cita la revisione al rialzo del 30% da parte di Goldman Sachs del potenziale di crescita del prezzo delle azioni, fino a 15,7 euro. Il titolo chiude a +3,56% a 12,51 euro.

* Realizzi nel pomeriggio su FIAT (-2,04%). "Vediamo movimenti tecnici sul titolo che è rimbalzato contro una tripla resistenza a 4,80 euro. Ci sono anche prese di profitto dopo i rialzi delle scorse sedute" commenta un dealer.

Nel report di un broker estero, pubblicato in vista dei risultati del quarto trimestre (30 gennaio), si legge che il Lingotto potrebbe non rispettare le previsioni sul debito a fine 2012: la banca d'affari prevede un indebitamento di 6,7 miliardi, a fronte di una guidance di Fiat di 6,5 miliardi.

* TOD'S è negativa dopo la pubblicazione dei ricavi dell'anno scorso.

* Ancora in ribasso FINMECCANICA. Ieri, secondo quanto riferito da fonti aziendali, il Cda non ha preso alcuna decisione sulla cessione di Ansaldo Energia. Alcuni broker ribadiscono di non attendersi che la vendita di Ansaldo Energia possa chiudersi prima delle prossime elezioni politiche.

* Chiude bene AUTOGRILL, sostenuta dalle anticipazioni di stampa sullo scorporo delle attività di ristorazione da quelle duty free.

* Tra le small e mid cap, in evidenza le società legate alle fonti rinnovabili: ERGYCAP, K.R.ENERGY e AION.

* Balza del 6,8% MONDO TV che ha concluso il primo accordo di licenza con il canale africano TV Miramar per la trasmissione in Mozambico e Angola di alcuni programmi.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below