30 novembre 2012 / 08:28 / 5 anni fa

Borsa Milano chiude in calo dello 0,5%, bene Fiat, Stm

Un trader a lavoro.Brendan McDermid

MILANO (Reuters) - Seduta tranquilla per Piazza Affari, che si è mossa intorno alla parità con volumi ridotti dopo il deciso rialzo di ieri, per una chiusura in contenuto ribasso.

In linea con Madrid e più debole delle altre piazze europee, il mercato italiano teme i rischi per la stabilità della zona euro e la questione del 'fiscal cliff' a Washington.

"Il mercato ha tenuto grazie ad acquisti in vista della scadenza di fine mese", dice un trader.

"Ieri abbiamo visto una seduta positiva, con volumi significativi, oggi consolidiamo senza forti realizzi", aggiunge un altro. "Mi sembra un segnale di forza".

Secondo un analista tecnico, "si sta preparando la base per un possibile movimento rialzista di fine anno-inizio 2013".

L'indice FTSEMib perde lo 0,5%, il FTSE Allshare lo 0,48%, con volumi a 1,2 miliardi circa.

Il benchmark europeo FTSEurofirst 300 è stabile.

* Dopo la corsa di ieri, le banche sono contrasatate, con lo Stoxx europeo piatto. UNICREDIT e INTESA segnano un lieve calo. Realizzi su POP MILANO la spingono a perdere il 3% circa.

* Bene FIAT, dopo i ribassi delle ultime sedute, con i titoli in Europa positivi (+1,1% lo Stoxx). I prezzi sono sotto pressione da quando la causa legale con Veba ha raffreddato le aspettative di un aumento della quota in Chrysler in tempi stretti.

* STM prosegue il rialzo di ieri dopo una fase contrastata. Un analista parla di commenti positivi durante un incontro con investitori nei giorni scorsi.

* Ritraccia BUZZI dopo la recente corsa.

* SEAT, "cheap stock" altamente volatile anche dopo la ristrutturazione del debito, perde il 10% circa, dopo il balzo di ieri.

* Tonica FONSAI su cui, riferisce un trader, "c'è molto scoperto".

* Positiva PININFARINA, ma ben sotto i massimi, dopo che ieri Vincent Bolloré ha ribadito che la partnership tra i due gruppi è di lungo termine e ha detto che faranno certamente un'altra auto insieme.

* CAMFIN senza spunti e con volumi contenuti, nonostante l'abbondante flusso di notizie sullo scontro tra Marco Tronchetti Provera e la famiglia Malacalza, che potrebbe cambiare la struttura azionaria del gruppo. Una decina di giorni fa una fonte ha detto a Reuters che la questione da risolvere, per un via libera a un ingresso di Investindustrial e Clessidra nel capitale, era una way-out dei fondi nel caso di mancato accorciamento della catena di controllo.

* TAS sale di 11% dopo la definizione della ristrutturazione del debito

(Redazione Milano,reutersitaly@thomsonreuters.com,+39 02 66129431, Reuters messaging: stefano.rebaudo.reuters.com@reuters.net)

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below