29 novembre 2012 / 08:23 / 5 anni fa

Borsa Milano chiude in deciso rialzo, volano i bancari, Ansaldo

Trader a lavoro durante una seduta di borsa. REUTERS/Brendan McDermid

MILANO (Reuters) - Piazza Affari festeggia le indiscrezioni in materia fiscale da oltreoceano, peraltro poi smentite, la flessione accentuata dello spread Btp-Bund e l‘esito positivo dell‘asta di titoli di Stato odierna, giungendo a guadagnare in chiusura quasi tre punti percentuali.

Milano è la migliore in Europa, con i volumi di scambio che tornano tonici, grazie alle performance scoppiettanti delle banche. A sostenere il comparto, oltre al restringimento del differenziale Italia-Germania, ha contribuisce anche una situazione più distesa negli Stati Uniti sul fronte fiscale.

Torna dunque una certa dose di fiducia sul mercato con la discesa dello spread in mattinata sotto i 310 punti base e il tasso del decennale fin sotto 4,5% per la prima volta da oltre due anni.

“Lo spread è sceso e questo naturalmente fa bene alle banche” commenta un trader, facendo riferimento alla sensibilità dei finanziari italiani - più esposti che in altri Paesi ai titoli di Stato - alle variazioni del differenziale di rendimento del debito governativo di Roma rispetto a quello tedesco. “Il settore bancario era molto sotto pressione”, aggiunge.

“Inoltre si è tranquillizzata la situazione negli Usa e questo ha stabilizzato i mercati”, continua l‘operatore.

L‘indice FTSE Mib guadagna in chiusura il 2,81% mentre l‘Allshare avanza del 2,7%. Volumi scambiati per un controvalore di 1,7 miliardi di euro.

Il benchmark europeo FtsEurofirst 300 avanza dell‘1,09%.

* Il Ftse Mib è interamente improntato al rialzo, con i titoli difensivi nella parte bassa del listino.

* Protagoniste della seduta le banche, grazie un rally che ha spinto POP EMILIA in volata a +9,91%, POP MILANO in rialzo dell‘8,26% e UBI su del 7,55%. UNICREDIT e INTESA SP chiudono a con guadagni superiori al 4%, in un comparto europeo che avanza dell‘1,83%.

Tra le banche mid cap, in luce CREDEM (+7,42%). In un‘intervista a Reuters il direttore generale Adolfo Bizzocchi ha previsto un dividendo 2012 in linea o poco superiore al 2011. Secondo Bizzocchi, l‘istituto si avvia a chiudere l‘anno con conti in ordine e una patrimonializzazione solida.

A livello generale, le banche a media capitalizzazione presentano per Exane Bnp Paribas “un migliore rapporto rischi/benefici rispetto alla bluechip Intesa e UniCredit, in quanto la loro profittabilità è più legata al miglioramento dell‘economia reale e in generale scambiano a multipli inferiori”. L‘istituto francese ritiene che le popolari italiane abbiano tutte spazio per un ‘rerating’ in uno scenario macro in graduale stabilizzazione, come quello attuale. Exane promuove intanto ad ‘outperform’ Ubi, Banco Popolare, Pop Milano e CREDEM, alzando anche il target price sui titoli degli istituti.

* ANSALDO STS è tra le migliori del listino principale (+6,22%) con forti scambi. Gli analisti citano gli elevati multipli dell‘acquisizione di Invensys Rail da parte di Siemens, annunciata ieri, che potrebbero essere presi a riferimento per altre eventuali operazioni di M&A nel comparto. [ID:nL5E8MT3DU] Sale del 6,11% anche FINMECCANICA, azionista di riferimento di Ansaldo.

* Trend differenziato per gli energetici, seppur tutti in denaro, con ENEL GREEN POWER che guadagna il 4,28%, ENEL leggermente più debole a +2,49% ed ENI in rialzo del 2,12%.

* Tra le mid cap, in luce SEAT PAGINE GIALLE che balza del 23,4%. “Estremamente volatile, il titolo aveva visto negli ultimi tre mesi un calo dell‘85% in seguito al deflusso di una serie di azionisti: da agosto si è osservata una cessione continua, che ha fatto più che dimezzare il valore del titolo” commenta un‘analista. “Ora sembra essersi esaurito il flusso in uscita. Inoltre, in un mercato tonico come quello odierno, si osserva un deciso rimbalzo del titolo in scia”.

“Seat sale sicuramente in scia alle ricoperture” osserva un trader.

* EUKEDOS mette a segno un progresso del 4,76%. L‘AD Carlo Iuculano ha presentato ieri il piano industriale del gruppo che punta a rilanciarne la marginalità e a risanare i conti entro la fine del 2016.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below