27 novembre 2012 / 08:13 / 5 anni fa

Btp misti dopo buone aste Ctz e Btpei, lunghi in ritracciamento

MILANO (Reuters) - Btp misti, ma sostanzialmente poco variati nella prima delle tre mattinate d'aste di questa settimana, in cui il Tesoro ha collocato 4,5 miliardi di euro - l'importo massimo offerto - tra Ctz e Btp indicizzati.

Le aste sono arrivate a poche ore dall'atteso accordo di Bruxelles tra Eurogruppo e Fmi su una serie di misure volte a rimettere su un percorso di sostenibilità il debito greco e sul pagamento in dicembre della prossima tranche di aiuti finanziari ad Atene [ID:nL5E8MR14C].

Il Ctz settembre 2014 è stato assegnato per 3,5 miliardi di euro, con rendimento in discesa ai minimi dall'ottobre 2010, all'1,923% dal 2,397% dell'asta di un mese fa. Il rapporto di copertura si è attestato all'1,50 dal precedente 1,65 [ID:nTAR001572].

"L'asta è andata piuttosto bene, col rendimento sotto il 2% e buona domanda" commenta lo strategist di Unicredit Luca Cazzulani. "La Grecia è stato un fattore che ha aiutato in termini di domanda, l'accordo ha sbloccato qualche tensione".

I due indicizzati settembre 2019 e settembre 2026 sono invece stati assegnati per rispettivi 747 milioni e 245 milioni - in tutto un miliardo - ai rendimenti del 2,53% e del 3,49% e bid-to-cover a 1,94 e 3,27 [ID:nTAR001574].

"Le aste sono andate decisamente bene e anche il mercato secondario le ha digerite senza problemi" conferma Sergio Capaldi di Intesa Sanapaolo. "Si è beneficiato di un ritrovato sentiment positivo sulle sorti dell'euro, dopo l'accordo sulla Grecia. I recenti dissapori sul bilancio Ue avevano fatto temere che la Grecia potesse essere usata come merce di scambio per un accordo sul bilancio".

RALLY INDICIZZATI, NUOVO MASSIMO BTP ITALIA OTTOBRE 2016

A fine mattinata, su piattaforma Tradeweb, il Ctz collocato stamane tratta ad un rendimento del 2,08%.

"Il mercato ha aperto bene stamane anche se sulle aste c'è stato un po' di ritracciamento, sempre in un contesto di scarsa liquidità" spiega un trader da Milano.

Lo spread di rendimento tra Btp e Bund decennali viaggia in leggero allargamento dai minimi della mattinata, comunque sostanzialmente invariato su ieri in area 334 punti base.

"La parte breve tiene meglio mentre dopo le aste il dieci anni ha subito qualche pressione in più anche in vista dei collocamenti di giovedì, infatti la curva si irripidisce" aggiunge il trader che segnala anche la buona performance del comparto indicizzato italiano, col Btp Italia ottobre 2016 oggi al nuovo massimo assoluto di 102,39.

La tornata d'aste di fine mese prosegue domani con il collocamento di 7,5 miliardi di Bot semestrali, sugli 8,5 in scadenza e giovedì con l'offerta di un importo compreso tra 2 e 3 miliardi di euro sia per il benchmark quinquennale novembre 2017 sia per il decennale novembre 2022 [ID:nL5E8MQC0A].

Sul mercato grigio il Bot a 6 mesi maggio 2013 in asta domani tratta al rendimento dello 0,98%, sotto l'1,347% dell'asta di ottobre, ai minimi dall'agosto 2010.

E quella di oggi è stata una mattinata d'aste anche per la Spagna: anche Madrid ha potuto approfittare di un calo dei rendimento nel collocamento di oltre 4 miliardi complessivi sulle due scadenze brevi a 3 e 6 mesi [ID:nL5E8MR38K].

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below