November 9, 2012 / 8:27 AM / 5 years ago

Borsa Milano chiude poco mossa, balzano Finmeccanica, Telecom It

3 IN. DI LETTURA

Traders a lavoro durante una seduta di borsa.Andrea Comas

MILANO (Reuters) - Con un occhio alle trimestrali Piazza Affari archivia l'ultima seduta della settimana in frazionale ribasso dopo un forte recupero nel pomeriggio sulla scia di Wall Street e degli incoraggianti dati macro Usa.

Le intense vendite registrate nel corso della seduta segnalano tuttavia un sentiment ancora negativo sui mercati su cui continuano a prevalere le incertezze attorno alla crescita della zona euro e ai timori sull gestione del 'fiscal cliff' in Usa.

"Quello che si è visto, al di là dei dati macroeconomici Usa che sono stati positivi, è che i mercati, sopratutto Wall Street, erano in ipervenduto e dunque c'è stato spazio per un rimbalzo", spiega un'operatrice.

"Resta comunque molta preoccupazione sull'eurozona, dove anche in Germania c'è stata una serie di dati negativi, e sulla Grecia", aggiunge.

L'indice FTSE Mib termine a -0,09% a 15.181,00 punti dopo che intorno a metà giornata aveva bucato al ribasso i 15.000 punti arrivando a perdere l'1,5%. L'Allshare cede lo 0,1 % mentre in Europa l'indice benchmark FTSEurifirst 300 è in rialzo dello 0,06%.

Sulla piazza milanese i volumi sono modesti, pari a poco meno di 1,4 miliardi di euro.

* Seduta brillante per FINMECCANICA (+6,3%) e TELECOM ITALIA (+3,68%) premiate dai risultati dei primi nove mesi. Su Finmeccanica gli operatori citano i conti sopra le attese, annunciati ieri a mercati chiusi, mentre sul gruppo telefonico i trader parlano di un mercato risollevato da risultati "soldi" anche se in linea alle previsioni.

* Tra le altre società che oggi hanno pubblicato i risultati trimestrali PARMALAT sale dell'1,4%, mentre sul fronte opposto ATLANTIA è tra i peggiori del FTSE Mib con un calo del 2,64%.

* Il clima di incertezza penalizza soprattutto le banche, deboli in tutta Europa (Stoxx settoriale -1%) dove spicca il forte calo della francese Credit Agricole sulla scia della pesante perdita trimestrale.

Tra le italiane MEDIOBANCA perde il 2,66% accompagnata da BANCO POPOLARE, POP EMILIA, MPS e UBI con cali tra l'1,6% e il 2,2%. In forte calo MEDIOLANUM a -4,96% dopo la trimestrale di ieri.

* Tra gli assicurativi GENERALI perde l'1,2% dopo i conti dei nove mesi, allineandosi sostanzialmente all'andamento dello stoxx di settore.

"I risultati sono misti: in linea alle attese a livello operativo e più bassi del consensus a livello di utile netto: Il fatto positivo è che il Solvency ratio è in miglioramento", commenta un trader.

* In rosso Prysmian (-1,37%)che prosegue il trend avviato ieri, dopo la pubblicazione dei risultati dei primi nove mesi.

* Pesante GEOX GEO.MI> che cede il 6,6% dopo i risultati del terzo trimestre sotto le attese e le prospettive caute presentate dalla società per il prossimo anno.

* Vendite copiose anche su AUTOGRILL (-2,75%). "I risultati del trimestre sono in linea con le attese, ma sul titolo pesa la guidance sull'Ebitda 2012 rivisto al ribasso", sottolinea un broker.

Tra i minori da segnalare il balzo del 39% di ARENA.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below