Fincantieri rileva Stx France, vede ulteriore consolidamento in ambito militare

venerdì 19 maggio 2017 16:03
 

TRIESTE (Reuters) - Fincantieri ha siglato oggi l'accordo per l'acquisizione del 66,66% di STX France, che controlla i cantieri francesi di Saint Nazaire, dalla coreana STX, in procedura fallimentare, a un prezzo di 79,5 milioni.

Al gruppo italiano non resta ora che incassare il via libera definitivo della Francia. Se andrà in porto l'accordo preliminare annunciato ad aprile, Fincantieri cederà alcune quote di Stx France alla Fondazione Cassa di Risparmio di Trieste (che avrà circa il 7% del gruppo) e alla francese Dcns (che avrà circa il 12%). Fincantieri resterà quindi al 48%.

Nonostante ieri i sindacati del gruppo francese riuniti nel 'comitato d'impresa' non si siano pronunciati a favore dell'operazione (due hanno 'preso atto', due si sono opposti), il management di Fincantieri si è detto fiducioso sulla finalizzazione dell'accordo con la Francia.

Il parere dei sindacati "non è vincolante, abbiamo visto che non c'è mai stato voto favorevole anche per tutte le altre acquisizioni fatte da altri paesi in Francia", ha spiegato l'AD di Fincantieri Giuseppe Bono.

"Abbiamo già l'accordo con la Francia", ha aggiunto, precisando che dalla comunicazione della conclusione del processo in Corea, la "Francia ha 60 giorni di tempo per dire se eserciterà il diritto di prelazione oppure darà forza agli accordi che abbiamo già sottoscritto".

Il backlog totale dei due gruppi, oggi pari a circa 36 miliardi, salirà a oltre 40 miliardi entro l'anno, ha spiegato Bono.

ULTERIORE CONSOLIDAMENTO IN AMBITO MILITARE

Fincantieri non intende comunque fermarsi a Stx France e vede un ulteriore consolidamento a livello europeo, soprattutto nel campo militare.   Continua...

 
Il cantiere navale di Fincantieri a Monfalcone.    REUTERS/Alessandro Bianchi