17 maggio 2017 / 06:39 / 3 mesi fa

Borse Asia-Pacifico deboli su scia Russiagate

Trader alla borsa di Hong Kong. Foto del 5 dicembre 2016.Bobby Yip

17 maggio (Reuters) - L'azionario dell'area Asia-Pacifico cede terreno sui timori legati all'evoluzione del Russiagate.

Secondo il New York Times, infatti, il presidente Usa Donald Trump ha chiesto a febbraio all'allora capo dell'Fbi, James Comey, di chiudere l'indagine sui contatti del generale Michael Flynn con la Russia.

Il mercato reagisce male perché teme che Trump possa rivelarsi troppo indebolito dallo scandalo per portare avanti il suo programma di misure a sostegno dell'economia.

L'indice MSCI cede lo 0,3% mentre TOKYO ha chiuso in calo di mezzo punto percentuale.

SHANGAI perde lo 0,3%. Continuano a dominare i timori sulla stretta regolatoria che le autorità cinesi hanno avviato per ridurre la leva finanziaria. I titoli del comparto sanitario perdono lo 0,3%.

SYDNEY perde oltre l'1% appesantita dalle banche che hanno staccato i dividendi. National Australia Bank perde quasi il 2%.

SINGAPORE cede lo 0,3%. In questo caso incidono in negativo i dati sulle esportazioni, scese ad aprile dopo cinque mesi consecutivi di rialzo. Tra i titoli peggiori Jardine Cycle & Carriage e Oversea-Chinese Banking corporation perdono il 2 e l'1% rispettivamente.

Sul sito www.reuters.com altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below