Banche salvate, indennizzi da Fondo depositi, ha casse vuote

giovedì 5 maggio 2016 14:59
 

Maccarone ha detto di non poter fare stime su quanto verrà richiesto al Fondo per questa finalità, limitandosi a ricordare che l'outstanding dei bond subordinati venduti al retail era di circa 320 milioni di euro.

"Sul piano prospettico la situazione non è certamente incoraggiante. Oggi questa interpretazione della Commissione (sull'utilizzo dei fondi di garanzia dei depositi) corre il rischio di diventare norma".

Ora con il bail-in in vigore, Maccarone ha detto che c'è la prospettiva concreta che la crisi di una banca si risolva con la sua liquidazione.

"Non credo che il nostro sistema economico e civile sia pronto... Nel caso di una banca in liquidazione non verrebbero pagati i depositanti", ha spiegato.

Il fondo sarà alimentato con contribuzioni ex-ante ma non può lavorare, come in passato, per prevenire una crisi bancaria.

"Stiamo studiando la possibilità di irrobustire il meccanismo volontario per rendere possibili interventi preventivi".

"Ora nel fondo volontario ci sono 300 milioni, sono pochi, non ci si fa granché", ha detto.

La ragione di creare anche un fondo volontario, ha spiegato il presidente del Fondo di garanzia, è che “oggi non si può ripetere lo schema delle quattro banche. Se la banca è 'likely to fail' e non si trova una soluzione rapidamente, la strada è o la risoluzione o la liquidazione coatta. E non voglio pensare a una soluzione che colpisca i depositanti".

(Stefano Bernabei)

Sul sito www.reuters.com altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia