Borse Europa in rialzo grazie a recupero tech, brilla Hexagon

mercoledì 14 giugno 2017 12:25
 

LONDRA (Reuters) - I mercati europei sono oggi in rialzo, grazie al recupero del comparto tech, mentre i colloqui su possibili acquisizioni fanno brillare il titolo della svedese Hexagon.

L'indice pan-europeo di borsa STOXX 600 e quello della zona Euro crescono rispettivamente dello 0,6% e dello 0,7%, in linea con l'andamento delle blue-chips, mentre c'è attesa per la decisione della Federal Reserve al termine di una riunione di due giorni, che produrrà probabilmente un nuovo aumento dei tassi d'interesse.

Il rialzo si è accentuato dopo che la produzione industriale dell'Eurozona ha indicato che l'economia continua a crescere, mentre l'occupazione segna un dato record. L'indice di borsa britannico Ftse 100 cresce dello 0,4%. Francoforte dello 0,75%, Parigi dello 0,9%.

** Hexagon, società specializzata in tecnologie informatiche, guadagna oltre l'11% dopo che il Wall Street Journal ha scritto di colloqui per la possibile vendita a non meglio precisati acquirenti.

In un comunicato, Hexagon ha detto che se le valutazioni dovessero portare a risultati concreti il mercato verrebbe immediatamente informato.

** Il comparto della tecnologia è quello che oggi gaudagna di più, con un rialzo dell'1,1%, dopo che nei giorni scorsi c'era stato un arretramento provocato dalla performance negativa di Apple e, a ruota, dei suoi fornitori.

** I produttori di chip Infineon, Dialog Semiconductor e ASML guadagnano tra lo 0,7% e l'1,5%.

Continua il trend positivo dei titoli difensivi legati ai settori ciclici, in particolare con il buon risultato delle utility, mentre le banche registrano gaudagni limitati e il settore auto è in rosso.

** Il costruttore edile britannico Bellway guadagna oltre il 4% sui dati che indicano una robusta richiesta di case non intaccata dalle elezioni a Londra.   Continua...

 
Il segnale dell'apertura delle attività di mercato al London Stock Exchange, la borsa di Londra. Foto del 10 novembre 2016.  REUTERS/Peter Nicholls