Banche venete, Baretta: fallimento sarebbe sistemico, precauzionale solo con via libera Ue

martedì 6 giugno 2017 19:34
 

ROMA (Reuters) - Il fallimento delle due banche venete in crisi avrebbe effetti sistemici non solo per la Regione ma per l'Italia. Per questo, il governo esclude l'ipotesi di bail-in ma aspetta il via libera di Bruxelles per la richiesta ricapitalizzazione precauzionale.

Lo ha detto Pierpaolo Baretta, sottosegretario all’Economia intervenendo al congresso First Cisl.

"Una delle questioni anche delicate con le autorità europee è il concetto di sistemico. Non è esclusivamente collegato alla dimensione della banca, ma in preciso rapporto all'economia e al territorio", ha detto Baretta dicendo di riferirsi a Popolare di Vicenza e Veneto banca.

"Un loro fallimento sarebbe una crisi di sistema non solo di quel territorio, ma dell'andamento generale dell'economia italiana", ha aggiunto ricordando che l'Italia ha escluso l'ipotesi di bail-in.

Baretta ha però escluso strappi con Bruxelles: "Non faremo la precauzionale se non c'è l'Europa, ma pensiamo di fare la precauzionale, non faremo il bail-in. Siamo convinti che queste banche possano essere rilanciate".

(Stefano Bernabei)

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

 
Banche venete, Baretta: fallimento sarebbe sistemico, precauzionale solo con via libera Ue.  REUTERS/Alessandro Bianchi/File Photo