Borse Asia-Pacifico piatte, ma al quinto mese positivo consecutivo

mercoledì 31 maggio 2017 08:37
 

31 maggio (Reuters) - Le borse dell'area Asia-Pacifico sono oggi sostanzialmente piatte ma chiudono il quinto mese consecutivo positivo, mentre i dati dalla Cina indicano una crescita a velocità costante dell'attività manifatturiera, rassicurando gli investitori preoccupati di un rallentamento della seconda economia mondiale.

L'indice MSCI, che non comprende Tokyo, alle 8,20 circa segna -0,03% a 498,46 punti. L'indice giapponese Nikkei ha chiuso in calo dello 0,14%.

"Il mercato resta positivo e i dati Pmi favorevoli hanno rafforzato la tendenza, anche se gli investitori debbono fare attenzione a un aumento dei prezzi dato che le condizioni della liquidità possono cambiare velocemente", dice Alex Wong, fund manager di Ample Capital a Hong Kong.

L'attività manifatturiera cinese è cresciuta allo stesso tasso sia in aprile che in maggio, superando le attese degli analisti.

La crescita dell'industria siderurgica in Cina è tornata al livello più alto da un anno grazie ai nuovi ordini, secondo un'indagine di mercato, facendo lievitare i future sul minerale di ferro e sulle armature in acciao a Shanghai.

Un ulteriore segnale di fiducia è venuto dai Servizi per gli investitori di Moody's, secondo cui la previsione positiva per la crescita globale nel 2017 appare sostenibile, dato che alcuni dei maggiori rischi per le economie sviluppate sembrano scongiurati.

SHANGHAI ha aperto in netto rialzo per poi perdere un po' di slancio, nonostante i dati positivi sull'attività manifatturiera. A provocare prima l'entusiasmo e poi qualche preoccupazione sono state le nuove regole delle autorità cinesi per impedire vendite massicce di titoli e cercare di stabilizzare il mercato, che avrebbero, secondo gli analisti, alcuni effetti collaterali negativi. HONG KONG è piatta, con Prada che guadagna lo 0,5% circa.

TAIWAN ha chiuso in calo, in linea con il mood odierno della regione.

SYDNEY è piatta, anche se in corso di seduta ha registrato un rialzo grazie ai dati sull'andamento dell'industria in Cina.   Continua...

 
Investitori cinesi in un'agenzia di brokeraggio a Shanghai. REUTERS/Aly Song