30 maggio 2017 / 07:12 / 4 mesi fa

Btp ancora in calo dopo buone aste, spread rientra dopo picco a 192

Operatori a lavoro. REUTERS/Brendan McDermid

MILANO (Reuters) - Continua a pesare l‘ipotesi elezioni anticipate sul secondario italiano, laddove però il rialzo dei rendimenti non sembra danneggiare il primario, con il Tesoro che ha oggi assegnato in asta l‘importo massimo previsto con rendimenti in calo rispetto al collocamento di fine aprile. Dopo la fiammata di inizio seduta che lo ha portato fino a 192 punti base, nuovi massimi da inizio mese, lo spread è ridisceso in area 190.

“Il tema elezioni anticipate continua a tenere banco” dice un trader italiano. “Ma il mercato si renderà conto che il sistema elettorale di tipo tedesco in discussione, un proporzionale con soglia al 5%, potrebbe garantire una maggiore governabilità”.

“Prima è, e meglio è. Anticipare le elezioni potrebbe non essere una cattiva idea per l‘Italia. Diversi ostacoli potrebbero aspettare il Pd, che attualmente fluttua fra il 28-30% dei voti, in un testa a testa con il M5S”, si legge in una nota di Citi. “L‘agenda delle riforme è al momento bloccata e l‘elezione potrebbe essere l‘unica speranza di rinfocolarla. Il Qe è ancora attivo, potenzialmente capace di ammorbidire la volatilità del mercato in prossimità delle elezioni”.

I mercati sono quindi tornati a prezzare ieri lo scenario di elezioni italiane in autunno, dopo le parole del fine settimana del segretario del Pd Matteo Renzi. Secondo l‘ex premier avrebbe senso dal punto di vista europeo che l‘Italia andasse al voto insieme alla Germania, dove le elezioni sono in calendario per il 24 settembre.

Il Tesoro ha collocato stamane l‘importo massimo di 7,5 miliardi di euro in titoli di Stato a medio lungo termine nelle aste di fine mese, su una forchetta di offerta compresa tra 6 e 7,5 miliardi, con rendimenti ai minimi da dicembre nel caso dei Btp.

“Se consideriamo il punto di vista del mercato, possiamo dire che gli investitori hanno approfittato per comprare dei rendimenti in rialzo rispetto ai movimenti sul secondario visti dopo l‘asta di aprile. Sull‘asta precedente va considerato che si era sotto elezioni francesi”, dice Luca Cazzulani.

Verso un prosieguo degli stimoli Bce potrebbe spingere anche il dato sull‘inflazione tedesca che potrebbe aver rallentato più di quanto atteso a maggio, allontandosi dal target perseguito dalla Banca centrale europea “inferiore ma vicino al 2%”, secondi i dati dei singoli Laender diffusi in mattinata.

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below