Tim, balzo Ebitda trimestre, non teme concorrenza su mobile e su rete

mercoledì 3 maggio 2017 19:52
 

di Stefano Rebaudo

MILANO (Reuters) - Telecom Italia (Tim) chiude il trimestre con un balzo dell'Ebitda a doppia cifra, leggermente meglio delle attese e rassicura gli investitori sul fatto che non ci sono concorrenti temibili sul fronte della telefonia mobile e della rete fissa.

Secondo la nota della società, i ricavi consolidati segnano un aumento dell'8,5% a 4,8 miliardi, l'Ebitda del 16,2% a 2 miliardi; l'utile netto cala a 200 da 433 milioni del 2016, che però ha beneficiato di poste straordinarie.

Il debito netto adjusted si attesta a 25,235 miliardi.

L'AD Flavio Cattaneo dice nella nota che prevede che i ricavi domestic torneranno "a crescere nel prossimo trimestre".

Nella call con gli analisti ha detto che spera in un dato in aumento anche nei trimestri successivi, ma che per ora non intende cambiare il target sull'Ebitda per il 2017.

L'obiettivo che il gruppo intende porsi con il piano è quello di "garantire crescita strutturale ricavi ed ebitda".

Secondo le stime di consensus elaborate dalla società sui dati del trimestre, i ricavi consolidati erano attesi a 4.731 milioni di euro, in rialzo del 6,6% su anno; l'Ebitda reported a 1.951 milioni, +14%; il debito netto adjusted a 25.310 milioni.

Per quanto riguarda la telefonia mobile e l'ingresso del nuovo competitor Iliad, l'AD Flavio Cattaneo chiarisce che in Italia per diverse ragioni "è impossibile fare un numero di clienti importante senza negozi, affidandosi solo al web".   Continua...

 
Tim, margine lordo e ricavi in rialzo, leggermente meglio di attese.    REUTERS/Stefano Rellandini/File Photo