Greggio in rialzo su attese estensione tagli Opec

martedì 2 maggio 2017 13:22
 

LONDRA (Reuters) - I prezzi del greggio sono in rialzo sulle aspettative che i principali esportatori dell'Opec possano estendere i tagli alla produzione alla seconda parte dell'anno, mettendo in secondo piano la produzione in aumento negli Stati Uniti, in Canada e in Libia.

Intorno alle 12,35 il contratto sul Brent per consegna a luglio segna un rialzo di 52 cent a 52,04 dollari al barile. Il greggio leggero Usa con scadenza a giugno sale di 37 cent a quota 49,21 dollari al barile.

A fine 2016 l'Opec e altri paesi esportatori, inclusa la Russia, avevano raggiunto un accordo per tagliare la produzione di 1,8 milioni di barili al giorno per la prima metà del 2017 nel tentativo di ridurre l'eccesso di forniture.

L'Opec e altri paesi produttori si incontreranno il prossimo 25 maggio e molti si aspettano che i limiti alla produzione vengano estesi anche al resto dell'anno.

Tuttavia la produzione cresce in alcuni paesi e i livelli delle scorte negli Usa scendono lentamente.

La libica National Oil Company ha annunciato che la produzione è salita oltre i 760.000 barili al giorno, al massimo da dicembre 2014.

I dati sulle scorte Usa dovrebbero mostrare un nuovo calo, il quarto consecutivo, dai livelli record toccati a fine marzo. Tuttavia le riserve sono ancora viste circa il 10% sopra i livelli di fine anno, secondo calcoli Thomson Reuters.

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia