Usa, marito Palin rifiuta di testimoniare in indagine Alaska

venerdì 19 settembre 2008 11:58
 

ANCHORAGE, Alaska (Reuters) - Il marito della governatrice Sarah Palin ingnorerà un mandato di comparizione dalla commissione che in Alaska sta indagando per capire se il licenziamento di un commissario statale da parte della candidata repubblicana alla vice-presidenza Usa abbia costituito abuso di potere.

Lo ha riferito l'entourage della Palin.

Todd Palin è tra le 13 persone, tra cui diversi impiegati dell'amministrazione, convocati a testimoniare in privato o in un'udienza pubblica prevista per oggi.

Il marito della governatrice rifiuta di rispondere alle domande di una commissione che crede sia motivata politicamente, secondo funzionari della campagna presidenziale per i repubblicani John McCain e Palin.

L'indagine sull'abuso di potere sta cercando di determinare se la governatrice abbia lincenziato l'ex-commissario per la sicurezza pubblica Walt Monegan perché non aveva licenziato un agente di polizia statale coinvolto in un aspro divorzio con la sorella della governatrice.

"Nessuno è sopra la legge", ha detto il senatore Bill Wielechowski, democratico di Anchorage. "Solo perché sei il marito di qualcuno che corre per la vicepresidenza non significa che puoi fregartene della legge",

L'inchiesta è stata autorizzata all'unanimità dal consiglio bipartisan dell'Alaska. All'epoca, la governatrice aveva assicurato piena collaborazione.