Richiesta danni Alitalia, Bonomi (Sea): gravi inesattezze

mercoledì 30 aprile 2008 20:19
 

MILANO, 30 aprile (Reuters) - Secondo Giuseppe Bonomi, presidente e AD di Sea -- contro la quale Alitalia AZPIa.MI ha detto oggi di essersi costituita in giudizio per chiedere un risarcimento per presunta inadempienza degli obblighi di sviluppo dell'aeroporto di Malpensa -- l'atto depositato in Tribunale dalla compagnia di bandiera conterrebbe "gravi inesattezze nella ricostruzione dei fatti".

"Stiamo esaminando la comparsa di costituzione e risposta di Alitalia - sono le dichiarazioni di Bonomi contenuta in una nota inviata da Sea - Per quanto riguarda le questioni di diritto esse saranno oggetto di puntuale ed approfondita disamina da parte dei nostri avvocati ed ovviamente costituiranno oggetto di replica in sede giudiziaria".

"Ad una prima lettura, peraltro, già si rilevano gravi inesattezze nella ricostruzione dei fatti", conclude la nota.

Oggi Alitalia ha detto di essersi costituita nel giudizio promosso davanti al Tribunale di Busto Arsizio dalla Sea, per ottenere un risarcimento non lontano da 1,2 miliardi chiesti dalla stessa Sea nei confronti della compagnia aerea per aver abbandonato Malpensa.

Alitalia accusa Sea di inadempienza degli obblighi di sviluppo di Malpensa e danni reputazionali.