Strauss-Kahn, notte in cella dopo no a cauzione

martedì 17 maggio 2011 09:31
 

NEW YORK, 17 maggio (Reuters) - Il numero uno dell'Fmi Dominique Strauss-Kahn ha trascorso la notte nel carcere di Rikers Island a New York dopo essere stato incriminato per violenza sessuale ai danni di una cameriera in un hotel.

Separato dagli altri detenuti per la sua sicurezza, Strauss-Kahn è stato messo in una cella di tre metri e mezzo per quattro, con una tazza, sapone, shampo e dentifricio.

Solo tre notti prima aveva dormito nella suite di un hotel di lusso da 3mila dollari al giorno, completa di conference room, salotto, bagno in marmo e un letto king-size.

E' in quella suite dell'hotel Sofitel, vicino a Times Square, che Strauss-Kahn sabato pomeriggio avrebbe aggredito una cameriera.

I suoi avvocati dicono che Strauss-Kahn è innocente ma che potrebbe perdere l'incarico all'Fmi e che le sue speranze di correre per la presidenza francese il prossimo aprile sono andate in frantumi.

Strauss-Kahn, 62 anni, è stato trasferito a Rikers Island dopo che il giudice di New York ha respinto la richiesta di rilascio su cauzione. Preoccupati da possibili attacchi contro di lui, il personale carcerario lo ha messo in cella da solo.

"Non si tratta di isolare il detenuto privandolo del contatto umano", ha detto il portavoce del Dipartimento di Correzione di New York. "Si tratta di evitare che al detenuto venga fatto del male a causa del suo alto profilo".

Il portavoce ha precisato che Strauss-Kahn sarà tenuto lontano dagli altri detenuti anche fuori dalla cella, durante il tempo dedicato agli esercizi o quando si guarda la televisione.

Ieri, l'assistente procuratore distrettuale John McConnell ha detto alla corte che Strauss-Kahn "l'ha aggredita sessualmente (la cameriera) e ha tentato di violentarla. Quando non ci è riuscito, l'ha costretta a fare sesso orale". Strauss-Kahn rischia 25 anni di carcere se riconosciuto colpevole.