Comunali, Berlusconi a Napoli: impossibile votare sinistra

venerdì 13 maggio 2011 19:31
 

NAPOLI, 13 maggio (Reuters) - Silvio Berlusconi è "arcisicuro" che il Pdl strapperà il comune di Napoli al Pd alle elezioni del 15 e 16 maggio prossimi, e ritiene "impossibile" che gli elettori votino ancora per il centrosinistra che ha così male amministrato.

Nel comizio finale a sostegno del candidato sindaco Pdl, Gianni Lettieri, Berlusconi ha poi ribadito la volontà del governo di sospendere sino a fine anno l'abolizione delle case abusive di Napoli.

"A Napoli è impossibile votare per la sinistra. Significherebbe condannare la città a quello che è successo in tutti questi anni. In un paese civile chi ha provocato questa tragedia avrebbe da tempo già chiesto scusa e sarebbe andato a nascondersi invece non hanno vergogna e si presentano ancora chiedendo di continuare ad amministrare la città. E' qualcosa di incredibile", ha attaccato il premier.

"E' importante vincere a Napoli e a Milano al primo turno per dare forza e sostegno al governo nazionale", ha aggiunto in un intervento infarcito come di consueto di storielle e barzellette.

Poi una rassicurazione a tutti i napoletani che occupano case abusive: "Ho preparato un decreto di sospensione per prendere tempo almeno fino a fine anno. Non lasceremo che le famiglie vengano buttate sul lastrico e perdano la propria casa". E, prima di lasciare il palco, la rinnovata promessa che qualora Lettieri - che il premier chiama già sindaco - dovesse vincere le elezioni i napoletani non pagheranno più la tassa sulla spazzatura fino a quando il problema non sarà completamente risolto.

All'esterno della Mostra d'Oltre mare, l'edificio dove ha luogo la manifestazione elettorale, circa 200 persone hanno accolto il premier protestando contro la costruzione di discariche e a sostegno del lavoro.