Cina trova due giapponesi con livelli anomali radiazioni

venerdì 25 marzo 2011 08:07
 

 di Mayumi Negishi e Kazunori Takada
 TOKYO, 25 marzo (Reuters) - La Cina oggi ha individuato due
viaggiatori giapponesi in arrivo con alti livelli di radiazioni
in seguito alla crisi nucleare provocata dal terremoto e il
successivo tsunami.
    Le autorità cinesi dicono che i due sono stati sottoposti
a trattamento medico per livelli di radioattività "seriamente"
oltre il limite, ma che non hanno rappresentato un rischio per
gli altri viaggiatori in volo da Wuxi, nell'est.
   Finora nessuno in Giappone, eccetto i lavoratori della
centrale nucleare di Fukushima Daiichi al centro della crisi, è
stato trovato con livelli particolarmente alti di radiazioni, e
il ministero degli Esteri giapponese sottolinea che
l'International Civil Aviation Association il 18 marzo ha
dichiarato che non è necessario lo screening dei passeggeri
aerei provenienti dal Giappone. 
 Sono circa 700 i tecnici che dall'11 marzo lavorano ai sei
reattori di Fukushima Daiichi per cercare di evitare un disastro
nucleare. Tre di loro sono stati contaminati.
 Il sisma di magnitudo 9 e il successivo tsunami hanno
causato 9.811 vittime, mentre i dispersi sono 17.541 secondo le
ultime cifre fornite.
  Nonostante aumentino le notizie di radioattività, sembra
comunque diminuire il timore di una catastrofica fusione nella
centrale nucleare.
 Due dei reattori ora sono considerati spenti. La situazione
resta incerta negli altri quattro, da cui periodicamente escono
fumo e vapore, ma procedono i lavori per ripristinare le pompe
del sistema di raffreddamento.
 "C'è molta più speranza", ha detto Tony Roulstone, esperto
di energia nucleare alla Cambridge University.
  Gli Stati Uniti stanno offrendo aiuto al Giappone, e due
loro navi forniranno 2 milioni di litri di acqua dolce per
raffreddare i reattori.
  Tokyo Electric Power (Tepco) (9501.T: Quotazione), la società che
gestisce la centrale, dice che tre lavoratori risultano
contaminati, precisando che hanno ignorato un allarme.
  E' stata vietata la vendita di verdure e latte provenienti
dalle aree vicine alla centrale, e ai 13 milioni di abitanti di
Tokyo questa settimana è stato detto di non dare acqua del
rubinetto ai bambini dopo che la contaminazione portata dalle
piogge ha fatto salire la radioattività a due volte i livelli di
sicurezza. Il giorno dopo i livelli sono comunque tornati nella
norma.