Bce, per paesi con problemi debito tempi duri in vista - Weber

lunedì 21 febbraio 2011 19:26
 

FRANCOFORTE, 21 febbraio (Reuters) - I paesi della zona euro con problemi di debito devono sfruttare al massimo il momento di respiro acquisito con le misure di aiuto e avverte che la parte più difficile del processo di riforma è ancora da venire.

Lo ha detto Axel Weber, membro del board della Banca centrale europea.

Weber, che all'inizio di questo mese ha detto di voler uscire dalla Bundesbank e ha escluso la sua candidatura alla presidenza della Bce, ha confrontato le misure di austerità prese da paesi come la Grecia, Irlanda, Portogallo e Spagna con una maratona.

"Le misure di stabilizzazione fiscale (di Unione europea e FMI) hanno bisogno di tempo. Tempo che deve essere utilizzato", ha detto Weber in un discorso che sarà dato all'Accademia di Economia e Arti di Dusseldorf.

"Se si paragona il problema a una maratona, i paesi hanno fatto forse i primi 10 o 15 chilometri. Nella mia esperienza di corridore di questo tipo di distanza posso dire che i momenti più dolorosi arrivano in un momento successivo".

Weber ha aggiunto che l'euro è rimasta una moneta stabile e ha detto che la crisi del debito della zona euro è dovuto a un eccesso di spesa da parte dei singoli paesi, piuttosto che un problema di base con la moneta unica.