Governo, crisi non preoccupa Usa, neppure tenuta debito - Thorne

martedì 16 novembre 2010 18:47
 

ROMA, 16 novembre (Reuters) - L'attuale crisi interna alla maggioranza di governo in Italia non preoccupa gli Stati Uniti per la tenuta delle relazioni bilaterali, così come non preoccupa la sostenibilità del debito italiano.

Lo ha detto a Reuters l'ambasciatore americano a Roma David Thorne a margine di una manifestazione.

"Penso che i rapporti fra Italia e Stati Uniti siano sempre stati buoni, quale che sia il governo. E' questo un momento di incertezza politica, non c'è alcun dubbio, ma non siamo preoccupati per i nostri rapporti con l'Italia", ha risposto Thorne alla domanda se gli Stati Uniti guardino con apprensione alla situazione politica italiana per quanrto riguarda i possibili riflessi sui rapporti bilaterali.

Anche per quanto riguarda la sostenibilità del debito italiano, viste le turbolenze internazionali e la debolezza del governo, Thorne non si dice preoccupato.

Alla domanda se veda un rischio debito per l'Italia infatti ha risposto: "Per nulla, per quanto sappia. L'Italia ha un alto rapporto debito/Pil, ma il debito è posseduto dagli italiani il che lo rende molto più stabile e le prospettive di una crisi sono meno probabili che in altri Paesi".

"Tutti i Paesi europei ed anche gli Stati Uniti devono preoccuparsi di mantenere il ritmo di crescita, e questa è una sfida globale", ha concluso l'ambasciatore.