PUNTO 1 - Quote latte, Galan: nessuna ulteriore proroga

venerdì 22 ottobre 2010 16:38
 

(agggiorna con dettagli)

ROMA, 22 ottobre (Reuters) - Il ministro delle Politiche Agricole, Giancarlo Galan, ha detto oggi che non ci sarà alcuna proroga sulla vicenda delle cosiddette "quote latte", e ha invitato gli oltre 500 produttori ancora non in regola a uniformarsi alla normativa.

"Non ci sarà nessuna ulteriore proroga", ha detto Galan ai cronisti dopo il Consiglio dei ministri di oggi.

Nel luglio scorso il maxiemendamento alla manovra economica 2011-2012 ha confermato la proroga dei pagamenti per le multe dal 30 giugno al 31 dicembre, nonostante una prima opposizione del ministro alla misura, criticata anche dalla Commissione europea.

Intanto sono 563 - come indicano i dati forniti dal ministero - su circa 40mila i produttori che lo stesso Galan ha definito "fuori legge", minacciando nelle scorse settimane la chiusura delle aziende inadempienti.

Oggi Galan è tornato a invitare i produttori che non si sono ancora messi in regola a farlo, e ha annunciato una riunione, senza indicare però la data, col ministro degli Esteri Franco Frattini, quello delle Politiche Comunitarie Andrea Ronchi e quello della Semplificazione normativa Roberto Calderoli per trovare una soluzione.

"Ci vedremo con Frattini, Calderoli e Ronchi per vedere se riusciremo ad inventarci qualcosa. Che cosa non lo so", ha detto Galan.

Secondo i dati forniti oggi dal ministero, gli esuberi di produzione del latte sono costati finora all'Italia circa 4,4 miliardi di euro di multe trattenute dalla Ue. Di questa cifra, solo 400 milioni sono stati pagati dai produttori, mentre 2,1 miliardi devono ancora essere recuperati dallo Stato nei confronti delle aziende. Pena, dice il ministero, una procedura di Stato da parte della Ue per aiuti di stato non autorizzati.