Grecia, polizia tira lacrimogeni su manifestanti all'Acropoli

giovedì 14 ottobre 2010 10:03
 

ATENE, 14 ottobre (Reuters) - La polizia greca in tenuta antisommossa oggi ha usato la forza e lanciato lacrimogeni per disperdere 150 lavoratori con contratto a termine che stavano bloccando l'accesso all'Acropoli per manifestare contro il programma di austerity del governo.

Lo riferisce un testimone Reuters.

"La polizia è arrivata da un'entrata laterale e li ha dispersi usando i lacrimogeni. Il cancello ora è aperto, non ci sono feriti", spiega il testimone.

I manifestanti hanno opposto resistenza e cinque sono stati arrestati, ha comunicato un agente di polizia.

I lavoratori a tempo determinato hanno bloccato ieri la principale entrata al monumento, ai piedi dell'Acropoli, dicendo di non essere stati pagati per due anni.

La Grecia ha sfoltito l'organico dei lavoratori con contratti a termine nell'ambito dell'accordo con Ue e Fmi per ridurre il deficit. Le agenzie statali spesso assumono a tempo prima delle elezioni senza avere la sicurezza dei fondi con cui pagare gli stipendi degli impiegati.

"I manifestanti hanno cambiato la serratura dell'ingresso principale, stanno tenendo le chiavi dell'Acropoli", aveva detto il vice ministro alla Cultura Telemachos Hytiris alla tv prima del blitz della polizia.